David Ospina (Ansa)
David Ospina (Ansa)

 

Napoli, 15 giugno 2021 - Da titolare fisso a probabile partente: l'addio di Gennaro Gattuso si è rivelato un colpo fatale per l'avventura a Napoli di David Ospina, che non solo ha di fatto già perso il posto tra i pali appannaggio di Alex Meret ma rischia anche seriamente di dover cambiare aria.

Tutti i club interessati

 

Ordini dall'alto, con Aurelio De Laurentiis che ormai da tempo spinge per valorizzare l'investimento effettuato sul portiere friulano, ma anche e soprattutto la poca voglia del colombiano di retrocedere nelle gerarchie dopo le ottime prove profuse nelle ultime stagioni, in cui era stato proprio lui a dare spesso quella sicurezza a una difesa, come quella azzurra, non esattamente irreprensibile. Le performance del classe '88 sono state notate da tanti club di Serie A, con la Juventus che si è appena iscritta alla corsa a Ospina, che annovera già Atalanta, Fiorentina e Sassuolo. I dialoghi con quest'ultima società sono piuttosto intensi anche perché in ballo c'è un ipotetico scambio con Andrea Consigli, che sbarcherebbe all'ombra del Vesuvio con i galloni della riserva di lusso ed esperienza sotto la cui ala far crescere meglio Meret: stavolta però senza l'ansia di un ballottaggio che alla lunga si è rivelato molto deleterio per l'ex Udinese, che non a caso ha ritrovato la fiducia (e un posto nell'Italia di Roberto Mancini) solo appena è cresciuto il minutaggio proprio grazie dell'infortunio occorso a Ospina nelle ultime battute della scorsa stagione.

Sepe l'alternativa

 

Possibile che dietro al probabile addio del colombiano ci siano anche i frequenti problemi fisici che di fatto ne limitano l'affidabilità, oltre alla suddetta poca voglia del ragazzo di sedere in panchina (destino che, va detto, gli spetterebbe pure in caso di reale approdo alla Juventus, dove il titolare dovrebbe essere ancora Wojciech Szczesny). A quel punto il Napoli si ritroverebbe senza una valida alternativa tra i pali, soprattutto se alla fine la pista Consigli non decollasse. Un altro candidato per il ruolo di secondo c'è e risponde al nome di Luigi Sepe, che al Parma potrebbe essere chiuso dall'imminente arrivo di un certo Gigi Buffon: quello del classe '91 sarebbe di fatto un ritorno in azzurro dopo i tanti anni vissuti nel vivaio e quelli sicuramente meno brillanti in prima squadra. Dunque, il dopo Ospina potrebbe essere nel segno di una questione di cuore e, perché no, di lista, visto che Sepe è proprio un prodotto del settore giovanile del club partenopeo, a caccia di un paio di guantoni per la panchina.

Leggi anche - Napoli, lungo casting per la corsia mancina