Dries Mertens (Ansa)
Dries Mertens (Ansa)

Napoli, 6 maggio 2020 - Il compleanno è il suo, ma il regalo sperano di riceverlo i tifosi: il festeggiato è Dries Mertens, che oggi compie 33 anni, mentre i protagonisti dell'auspicio sono i sostenitori del Napoli che, nonostante il silenzio degli ultimi due mesi, confidano ancora nell'annuncio del rinnovo.

L'OFFERTA DI DE LAURENTIIS - Il trascorrere del tempo non lascia ben sperare in vista del lieto fine. Il tutto, a maggior ragione dopo aver esaminato nel dettaglio l'offerta messa sul piatto da Aurelio De Laurentiis, uno che di solito non nasconde la scarsa propensione a comprare o trattenere giocatori non più giovanissimi: un biennale da 4,5 milioni a stagione più bonus, più 2 milioni alla firma. Per un totale di 12 milioni netti. Numeri esorbitanti che (per il momento) non sono stati sufficienti a togliere ogni dubbio al belga, che vacilla al cospetto di varie tentazioni. La più grande è l'Inter, dove Mertens ritroverebbe il connazionale Romelu Lukaku, col quale potrebbe comporre un tandem letale in ottica scudetto. Già, lo scudetto: oltre all'aspetto economico, per il numero 14 contano tanto le ambizioni della sua futura squadra e il campionato deludente disputato dal Napoli potrebbe incidere nelle valutazioni. Certo, qui si apre un piccolo grande dibattito: se i partenopei sono usciti subito dalla lotta per il tricolore è anche a causa del rendimento non all'altezza dei propri giocatori, Mertens compreso. Eppure, se il ragazzo tentenna, De Laurentiis, nonostante questo discorso, che si unisce poi a quello anagrafico, non ha avuto dubbi, facendo un grosso tentativo per trattenere il miglior marcatore della storia della società. Di tutta risposta il patron si è beccato un silenzio lungo 66 giorni, appesantito inoltre dall'assenza di calcio giocato che ha concentrato tutti i pensieri sulla programmazione del futuro. Con Mertens o senza Mertens? Questo è il dilemma.

INSIDIA PREMIER LEAGUE - A complicare i piani del Napoli ci si mettono le sirene della Premier League, campionato che il belga vorrebbe assaggiare prima di appendere gli scarpini al chiodo. A offrirgli la chance della vita potrebbe essere il Chelsea, che ha messo sul piatto una proposta economica molto simile a quella dei partenopei, con l'aggiunta, appunto del sapore della novità. Il dubbio di Dries è tutto qui: continuare lì dove si è consacrato oppure sperimentare territori inediti? Il Napoli attende una risposta, non prima di aver augurato al suo miglior bomber un buon compleanno.