Toma Basic (Ansa)
Toma Basic (Ansa)

Napoli, 25 giugno 2021 - Era stato il primo nome uscito fuori dalla ridda appena iniziata del calciomercato in casa Napoli. Poi a un certo punto la pista che conduceva a Toma Basic sembrava essersi raffreddata, con tanto di forte inserimento della Lazio: una mossa che non è piaciuta al club partenopeo, che ha subito deciso di sferrare un altro assalto per il centrocampista croato, con la speranza che possa essere quello decisivo.

Il problema della formula

 In realtà già i precedenti contatti tra le parti avevano dato esito positivo, al punto che l'accordo con l'entourage del classe '96 è stato trovato da un bel po'. L'ostacolo si chiamava e, in un certo senso, ancora si chiama Bordeaux: il club francese fin dall'inizio della trattativa spingeva per una cessione a titolo definitivo di Basic, il cui contratto andrà in scadenza a giugno 2022. Questo non è un dettaglio da poco, perché in linea teorica rendeva la posizione della società transalpina piuttosto debole in sede di mercato. Invece a cedere, un po' a sorpresa, è stato il Napoli, che inizialmente non voleva andare oltre il prestito con obbligo di riscatto più che altro per questioni di bilancio. La formula proposta dal club partenopeo continuava a incontrare il veto del Bordeaux, che in questo caso, proprio alla luce dell'imminente fine del legame con il croato, avrebbe dovuto prima trovare l'accordo con quest'ultimo per rinnovare il contratto per almeno un'altra stagione: tutto troppo complicato, specialmente se all'orizzonte c'erano altri club, come appunto la Lazio del grande ex Maurizio Sarri, disposti a venire incontro alle lecite pretese della società francese.

I dettagli dell'affare

 Messo spalle al muro, il Napoli, pur di non perdere colui che da tempo era stato indicato come il rinforzo ideale per il centrocampo, ha dovuto cedere alla formula della cessione a titolo definitivo. Ora all'appello mancano solo gli ultimi dettagli, ma il grosso dell'affare sembra già tratteggiato: Basic vestirà l'azzurro dietro pagamento di 8 milioni di base più vari bonus legati al rendimento. Insomma, la cifra finale del trasferimento dovrebbe comunque aggirarsi intorno a quei 10 milioni chiesti fin dall'inizio dal Bordeaux, vicino quindi a spuntarla su tutta la linea. Ovviamente anche il Napoli avrà il suo tornaconto, ovvero un nuovo elemento in rosa che all'altezza della mediana sa fare tutto grazie a un fisico possente a cui si unisce una buona tecnica che, all'occorrenza, gli consente anche di manovrare da mezzala o addirittura di avanzare sulla trequarti.

Leggi anche - Napoli, bilancio agrodolce degli azzurri a Euro 2020