Victor Osimhen (Ansa)
Victor Osimhen (Ansa)

 

Napoli, 21 ottobre 2021 - Dopo un inizio deludente, il Napoli riesce finalmente a sbloccarsi in Europa League: la prima vittoria arriva a spese di quel Legia Varsavia che si era presentato al Maradona da leader del Gruppo C a punteggio pieno. I polacchi restano in vetta al girone nonostante la sconfitta scaturita dalle reti siglate da Insigne, Osimhen e Politano nella fase finale del match, nonostante un dominio costante praticamente per tutto l'arco della gara. Adesso gli azzurri salgono a quota 4 e puntano al sorpasso nella gara di ritorno, in programma il 4 novembre: l'obiettivo è cominciare a dominare anche in Europa League, dopo averlo fatto in campionato fin dalla prima giornata.
 

Primo tempo

 

Il Napoli parte forte e al 12' sfiora la rete con Mertens, che si ritrova sui piedi una palla vagante in area e calcia da posizione defilata: Miszta manda la sfera sopra la traversa. Il belga insiste al 21', dopo aver raccolto la sponda di Lozano: la mira è imprecisa di un soffio. Al 29' a provarci è proprio il messicano, il cui destro a incrociare sbatte contro il piede di Miszta. Il Legia attende sornione ma appena può cerca di far male agli azzurri: un esempio lampante arriva al 40', quando Mladenovic imbuca per Muci, che costringe Meret a rifugiarsi in corner.

Secondo tempo

 

Il Napoli insiste all'alba della ripresa ma né Demme (tiro fuori di un soffio) né Insigne (grande parata di Miszta) hanno fortuna. Al 61' è clamorosa la chance che capita sui piedi di Mertens, che riceve la sponda di Di Lorenzo e in spaccata, da zero metri, manca il bersaglio grosso. Dopo pochi secondi Insigne si mette in proprio con il piatto forte della casa: Miszta spedisce in corner il tiro a giro del capitano. Il duello si ripropone al 74', sugli sviluppi di una punizione: a vincerlo è ancora il portiere ospite. Il Legia soffre ma al 75' sfiora il gol del vantaggio con Emreli, che apre l'azione di contropiede e la chiude con un mancino che si stampa sul palo esterno. Scampato il pericolo, gli azzurri trovano la rete al 76' con Insigne, che di controbalzo capitalizza il suggerimento del neo entrato Politano. A chiudere la contesa ci pensa all'80' un altro volto nuovo, Osimhen, che con un destro potente batte sul primo palo Miszta, precedentemente salvato dalla bandierina del fuorigioco su un pallonetto vincente proprio del nigeriano. Negli ultimi minuti Petagna prova a ripetizione ad arrotondare il bottino: la missione riesce al 95' a Politano, che con un mancino nell'angolino firma il 3-0 che rilancia le ambizioni europee del Napoli.

Leggi anche - Europa League, Lazio-Marsiglia 0-0