L'esultanza dei giocatori del Napoli
L'esultanza dei giocatori del Napoli

Napoli, 20 gennaio 2019 - Vince il Napoli ma non senza soffrire. I partenopei passano al San Paolo contro la Lazio grazie alle reti di Callejon e Milik. Immobile la riapre nel secondo tempo, poi l'espulsione di Acerbi mette in discesa la gara per gli uomini di Ancelotti.

Napoli-Lazio 2-1, rivivi la diretta

Serie A, risultati e classifica aggiornata

PRIMO TEMPO – Partita divertente e ricca di occasioni quella che va in scena nella prima frazione di gioco al San Paolo. La Lazio parte meglio e prova ad intimidire il Napoli con le giocate dei propri uomini migliori negli spazi stretti. Al quinto minuto di gioco un cross dalla trequarti di Lucas Leiva pesca Milinkovic in area. Il serbo colpisce a botta sicura ma Meret si oppone con un riflesso. Dopo dieci minuti di predominio dei capitolini però, gli uomini di Ancelotti prendono coraggio e in tre occasioni sfiorano il vantaggio con Milik, grande protagonista dei primi 45 minuti. Due volte è il palo a dirgli di no, complice anche un grande intervento di Strakosha sulla seconda conclusione. Dopo 27 minuti di gioco Inzaghi è costretto al primo cambio. Luiz Felipe esce in lacrime per un infortunio muscolare e al suo posto subentra Bastos. L’inerzia della gara cambia definitivamente al 34esimo: sponda di Milik per Mertens che con una grande apertura pesca Callejon in area. Lo spagnolo controlla e calcia sul primo palo fulminando Strakosha e sbloccando la gara. La Lazio sembra accusare il colpo e infatti passano solo tre minuti e il Napoli raddoppia. Rocchi concede una punizione dal limite dell’area per un fallo di Acerbi su Mertens. La battuta di Milik è magistrale: tiro potente che supera la barriera e si infila sotto all’incrocio, con Strakosha immobile che può solo guardare il pallone finire alle sue spalle.

SECONDO TEMPO – Inzaghi capisce di dover cambiare qualcosa, per questo inserisce Correa togliendo Lukaku. Difesa a quattro e squadra più offensiva per provare ad impensierire il Napoli. L’argentino entra in modo positivo ed è proprio lui a creare la prima occasione della ripresa, raccogliendo insolitamente di testa un cross di Lulic senza però centrare lo specchio di un soffio. Anche in questo caso però, in fotocopia come nella prima frazione, dopo dieci minuti di pressione Lazio, il Napoli alza il baricentro e sfiora il terzo gol con Fabian Ruiz, sfortunato nel centrare la traversa dopo un’incursione per vie centrali. I capitolini però, con Correa in campo sono più imprevedibili e i partenopei soffrono le percussioni dell’argentino. Come quella al 65esimo minuto, quando riesce a servire in area Immobile, bravo a spostarsi il pallone e a battere Meret centrando l’angolo più lontano. La Lazio prende coraggio, attacca e mette pressione al Napoli. Al 70esimo però, per rimediare a un errore di Milinkovic, Acerbi entra in ritardo su Callejon, beccandosi il secondo giallo della sua partita e lasciando in dieci i suoi compagni. Un'espulsione che interrompe la striscia di 149 partite consecutive giocate dal centrale fra Sassuolo e Lazio e che ferma anche l'arrembaggio dei biancocelesti alla ricerca del pareggio. Il Napoli accorcia momentaneamente sulla Juventus, la Lazio invece si vede scavalcare dalla Roma in classifica.  

 

Tabellino

Reti: pt 34' Callejon (N), 37' Milik (N); st 20' Immobile (L).  

Napoli: Meret; Malcuit, Albiol, Maksimovic, Mario Rui; Callejon (42' st Hysaj), Fabian Ruiz, Diawara (27' st Verdi), Zielinski; Milik, Mertens (36' Ounas). A disp. Ospina, Karnezis, Ghoulam, Luperto, Rog. All. Ancelotti.  

Lazio: Strakosha; Luiz Felipe (28' pt Bastos), Acerbi, Radu; Lulic, Parolo, Leiva, Milinkovic (28' st Patric), Lukaku (1' st Correa); Luis Alberto, Immobile. A disp. Proto, Guerrieri, Wallace, Durmisi, Badelj, Cataldi, Berisha, Neto, Caicedo. All. Simone Inzaghi.  

Arbitro: Rocchi di Firenze.  

Note: espulso Acerbi (L) al 25' st per doppia ammonizione; ammoniti Luis Alberto, Milinkovic-Savic (L), Zielinski (N).