Kalidou Koulibaly (Ansa)
Kalidou Koulibaly (Ansa)

Napoli, 5 febbraio 2021 - Neanche il tempo di gioire della ritrovata compattezza difensiva che in casa Napoli ripiomba l'ombra del Covid-19 e, con essa, l'emergenza difensiva, con Faouzi Ghoulam e Kalidou Koulibaly risultati positivi al test.

Una stagione stravolta dal Covid

Sotto il profilo sportivo è indubbiamente l'assenza del senegalese quella che preoccupa maggiormente Gennaro Gattuso, che proprio dal numero 26 appena una settimana fa aveva ricevuto un grande attestato di stima attraverso i microfoni di Radio Kiss Kiss. Sarà un caso ma da quel momento in poi gli azzurri hanno abbassato la saracinesca, non subendo gol né contro il Parma in campionato né al cospetto dell'Atalanta nell'andata delle semifinali di Coppa Italia. Il problema è che contemporaneamente è scesa la qualità della produzione offensiva anche a causa delle tante assenze: una costante che all'ombra del Vesuvio ormai da mesi si sposta di reparto in reparto, con la magrissima consolazione che si tratta di un macigno che sta sconvolgendo la stagione di tutte le squadre. Curiosamente, una delle 'vittime' preferite dal Covid è stato proprio quel Genoa che domani deve superare l'esame Napoli per confermare i progressi emersi sotto la cura del solito Davide Ballardini: basti pensare a com'erano ridotti i rossoblù in trasferta in Campania praticamente un girone fa in quella che, risultato alla mano, fu una sorta di partita-farsa. Stavolta la situazione si è in parte invertita e non solo a causa del Coronavirus.

I probabili 11 azzurri

Oltre a Ghoulam e Koulibaly infatti non partiranno per il capoluogo ligure Dries Mertens e Fabian Ruiz: quest'ultimo ha superato il Covid, ma necessiterà di tempo per ritrovare quella forma migliore che a prescindere quest'anno gli è sempre mancata. Tra i pali toccherà a Ospina: a sua protezione ci saranno Manolas e Maksimovic al centro e il tandem Hysaj-Mario Rui sulle corsie. Le mezzali saranno Elmas e Zielinski, con uno tra Demme e Bakayoko in cabina di regia: qualora dovesse recuperare pienamente dalla botta accusata in Coppa Italia, il tedesco dovrebbe partire dal 1'. Per lo stesso discorso a sinistra vacilla la posizione di Insigne, insidiato da Politano, con Lozano confermato a destra e Petagna al centro per cercare di emulare il collega Destro, praticamente rinato all'ombra della Lanterna dopo gli anni bui di Bologna. Il discorso si può estendere all'intero Genoa, che domani avrà sicuramente voglia di rifarsi del clamoroso 6-0 della gara di andata: un girone e, in un certo senso, una vita fa per entrambe.

Leggi anche - Calcio, Onana squalificato per doping