Luciano Spalletti (Ansa)
Luciano Spalletti (Ansa)

Napoli, 20 novembre 2021 - Prepararsi all'attesissima trasferta in casa dell'Inter con parecchie criticità da risolvere: su tutte il ritorno dell'ombra del Covid nello spogliatoio, con Demme e Politano fuori causa. Eppure, nonostante tutto, Luciano Spalletti non vuole dare alibi al Napoli, come ha confermato nella conferenza stampa della vigilia.

No alle rivincite, ma...

Per stimolare la sua squadra il tecnico toscano rievoca le difficoltà a livello numerico di inizio stagione. "Nelle prime giornate di campionato a centrocampo avevamo pochissime unità e giocavamo con quel poco che c'era: non si può pensare troppo alle mancanze o, ancor peggio, scendere in campo senza dare tutto ciò che è nelle proprie possibilità". Parole belle quelle di Spalletti, che dovrà anche vedersela con una squadra alle prese con una classifica leggermente deficitaria. "L'Inter cercherà la vittoria e noi faremo lo stesso: i nerazzurri sono fortissimi in particolare sulle fasce e lo stanno facendo vedere anche in questo campionato nonostante qualche difficoltà momentanea incontrata. Comunque vada a finire - continua il tecnico toscano - non parlerei di risultato definitivo: ognuno affronterà dei momenti duri e solo la matematica in futuro potrà emettere le sue sentenze". Di definitivo c'è la fine non senza scorie del rapporto tra Spalletti e una sua ex squadra: uno scenario non proprio inedito per l'allenatore di Certaldo, che ancora una volta tornerà in uno stadio dove potrebbe ricevere un'accoglienza non esattamente amichevole. "I fischi li ho già presi altrove: sinceramente non mi interessa molto. Preferisco concentrarmi su quello che ho lasciato quando sono andato via da un posto: per esempio guardo ai conti del club in quel momento e rifiuto i paragoni con situazioni, economiche e non, diverse rispetto al periodo nel quale c'ero io. Non cerco rivincite - ammette Spalletti - ma di certo vedere l'entusiasmo di un'intera città che spinge la capolista non può che farmi felice".

Le ambizioni di Lozano

Entusiasmo che servirà anche per scacciare via qualche negatività emersa negli ultimi giorni. "Ho parlato con Lozano: sta bene sia fisicamente sia mentalmente. E' normale essere ambiziosi e mi auguro che a fine stagione possa ricevere le offerte di quei club che sogna: significherebbe che il Napoli avrà raggiunto i suoi obiettivi. Basti pensare alla situazione di mercato dell'anno scorso, senza Champions League: nessuno ha richiesto i nostri giocatori, che devono sapere che solo vincendo troveranno la visibilità che desiderano".

Leggi anche - Napoli, si ferma ancora Ounas