Insigne (Ansa)
Insigne (Ansa)

Napoli, 4 marzo 2021 – Non è di certo passato inosservato agli occhi indiscreti delle tante telecamere presenti lo sfogo di Lorenzo Insigne dopo il gol del 3-3 siglato in extremis e su rigore da Caputo, che ha regalato un insperato pareggio al Sassuolo al Mapei Stadium. Uno sfogo figlio della frustrazione per un risultato beffardo, che il Napoli oggi ha subito cercato di smorzare precisando che non ci sono attriti tra il capitano azzurro e la squadra, bersaglio proprio dell’invettiva post-partita: “In seguito alle notizie diffuse da diversi media, si precisa che non c’è stato alcun attrito tra il Capitano Lorenzo Insigne e i suoi compagni di squadra. Lo sfogo del calciatore negli ultimi minuti di Sassuolo-Napoli era legato solo al rocambolesco finale di partita”.

Le parole dell’agente

In giornata anche Vincenzo Pisacane, agente del giocatore, aveva cercato ai microfoni di Radio Punto Nuovo di circoscrivere i contorni dell’accaduto, gettando acqua sul fuoco: “Penso che quel gesto – ha detto Pisacane – sia una normale reazione dopo aver subito un pareggio al 93° su calcio di rigore. Lui perde tre volte: da capitano, da giocatore e da tifoso del Napoli. Lorenzo chiede sempre tanto a sé stesso in partita e in allenamento, ma pretende il massimo anche dai compagni che cerca di spronare. Non ha insultato nessuno, soltanto imprecato per una partita buttata via all’ultimo”. Il sereno tra Insigne e i compagni sembra quindi tornato in attesa di una reazione sul campo.

Leggi anche - Napoli, al Mapei Stadium un calcio alla fortuna e alla missione continuità