L'esultanza di Insigne e Mertens
L'esultanza di Insigne e Mertens

Napoli, 25 agosto 2019 - Il mercato chiama, i quasi ex titolarissimi con il contratto in scadenza rispondono: nella vittoria del Napoli a Firenze, oltre a quello di Lorenzo Insigne, c'è lo zampino di Dries Mertens e José Maria Callejon, due elementi che a breve potrebbero cedere il loro posto in campo.

Serie A, prima giornata live. Formazioni, diretta e orari tv

LEADERSHIP E POLEMICHE - La situazione più definita in tal senso è quella dello spagnolo, che già nella prossima trasferta di Torino potrebbe essere soppiantato da Hirving Lozano. Fino a ieri sembrava chiaro che gli azzurri ne avrebbero acquistato in velocità e pericolosità offensiva, ma la prova del Franchi ha rilanciato le quotazioni del numero 7, soprattutto in termini di leadership. E' stato questo l'ingrediente principale apportato dai 3 folletti dell'attacco in una partita molto complicata per tanti aspetti: dall'entusiasmo in casa Fiorentina alla migliore condizione fisica proprio dei viola, che per larghi tratti del match si sono fatti preferire. In quel momento è stato Mertens a caricarsi il Napoli sulle spalle prima con una prodezza (aiutata dall'intervento imperfetto di Dragowski) e poi con un rigore procurato che sta facendo discutere tutt'Italia. Simulazione o non simulazione? Il contatto con Castrovilli, ammesso che ci sia stato, sembra cercato dal belga, che secondo alcune voci potrebbe rischiare anche l'utilizzo della Prova TV. Una macchia sulla prestazione del numero 14 che non ne cancella una dote di cui i partenopei non possono fare a meno: l'attaccamento alla maglia, lo stesso che trasmette sempre di più Insigne, alla prima stagione integrale da capitano. Due gol (tra cui il suddetto penalty) e lo zampino in tutte e 4 le reti dei suoi, un evento mai successo in carriera e una grande risposta alle voci di mercato che vedono il Napoli a caccia di altri uomini fantasia.

LE BOCCIATURE - Se i piccoletti brillano, i giganti sono apparsi lontani dalla migliore condizione. In affanno in particolare Kalidou Koulibaly e Kostas Manolas, con la speranza dei tifosi che la scarsa forma sia l'unico problema che assilla la difesa e non una scarsa compatibilità tra i due. Solo il tempo emetterà i suoi verdetti: intanto Carlo Ancelotti della trasferta del Franchi si coccola principalmente il risultato e, perché no, la fame dei veterani, ingrediente che servirà anche sabato, quando per gli azzurri arriverà già l'esame Juventus. Lozano ci sarà e con lui anche i 3 folletti terribili, con la piccola incognita Mertens legata a quel "tuffo" della discordia.