20 gen 2022

Napoli, ritornano entusiasmo e abbondanza ma all'orizzonte resta la nube Fabian Ruiz

Gli azzurri vincono e convincono, ma lo spagnolo sembra ancora orientrato a non rinnovare il proprio contratto in scadenza nel 2023

giusy anna maria d'alessio
Sport
Fabian Ruiz (Ansa)
Fabian Ruiz (Ansa)

Napoli, 20 gennaio 2022 - Dove sarebbe oggi il Napoli in classifica senza le emergenze legate al Covid, agli infortuni e all'esodo per la Coppa d'Africa? Forse molto più in alto o forse, come già successo in passato all'inizio dell'inverno, il calo fisico generale sarebbe arrivato comunque implacabilmente. Risposte univoche non ce ne sono, ma intanto Luciano Spalletti si gode la ritrovata abbondanza.

Derby in pericolo

Abbondanza che potrebbe coinvolgere addirittura Lorenzo Insigne, che ha fretta di rientrare e ha messo nel mirino addirittura l'imminente derby con la Salernitana: sempre ammesso che la partita non venga rinviata a causa dei tanti contagi che stanno mutilando la rosa granata. Per gli azzurri l'eventuale spostamento della gara di domenica non sarebbe una buona notizia visto che si andrebbe praticamente a interrompere sul più bello il rinnovato slancio che sta investendo la squadra in campo e fuori. Nel primo caso a parlare sono i risultati ottenuti nelle prime battute dell'anno nuovo e soprattutto la modalità con cui sono arrivati, con sprazzi di gioco molto interessanti degni del miglior Napoli di Spalletti ammirato all'alba di questa stagione. Nel secondo chissà che le rinvigorite ambizioni dei partenopei non possano sparigliare le carte anche in ottica mercato: l'abboccamento dei giorni scorsi con Nicolas Tagliafico (ostacolato di fatto solo dalle pretese sulla formula dell'operazione da parte dell'Ajax) è stato un valido esempio di come, visti da fuori, gli azzurri stiano riconquistando quell'appeal perso nelle ultime settimane del 2021. Non solo: in ballo, da qui a giugno 2023, da discutere all'ombra del Vesuvio c'è una lunga serie di rinnovi che coinvolge anche giocatori molto importanti.

Grana Fabian

Oggi tutti sono concentrati sulle sorti di Dries Mertens, ma intanto a livello contrattuale non se la passa meglio neanche Fabian Ruiz, forse ancora più prezioso del belga a livello tattico. In caso di mancato prolungamento, tra poco meno di un anno e mezzo lo spagnolo andrà via a zero: per il Napoli, che in un certo senso ci sta facendo il callo a perdere in questo modo calciatori dal valore molto alto sul mercato, sarebbe uno scenario apocalittico. In realtà il momento chiave della vicenda arriverà molto prima del 2023: se Fabian continuasse a rispedire al mittente le proposte che arriveranno da Aurelio De Laurentiis, l'ipotesi più probabile sarebbe la cessione immediata quest'estate, a prescindere dagli introiti derivanti dall'eventuale ritorno in Champions League.

Leggi anche - Genoa, Blessin sarà il nuovo allenatore
 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?