Luciano Spalletti (Ansa)
Luciano Spalletti (Ansa)

Napoli, 2 agosto 2021 - Gli ottimi risultati nelle amichevoli estive, con il grande tris rifilato al Bayern Monaco come fiore all'occhiello, non devono distogliere il Napoli da ciò che serve urgentemente per rinforzare la rosa: ogni riferimento alla caccia ormai disperata a un terzino sinistro non è puramente casuale.

Colloqui con il Chelsea

 

Se la cattiva notizia è che ad agosto ormai cominciato l'oggetto del desiderio di Luciano Spalletti non è ancora arrivato, la buona è che il momento dell'assalto decisivo non sembra lontano. Già, ma a chi? La lotta si è praticamente ristretta a due unità. In cima alla lista dei desideri c'è Emerson Palmieri, giocatore che il tecnico toscano vorrebbe a disposizione già per il ritiro di Castel di Sangro, il secondo dell'estate degli azzurri. Il problema è che il tempo stringe, visto che la spedizione abruzzese inizierà giovedì e nel frattempo non è detto che il Chelsea decida o di abbassare le proprie pretese economiche (20 milioni per il cartellino del neo campione d'Europa) o di adeguarsi alla formula proposta dal Napoli (prestito con obbligo di riscatto). L'affare sembra aver imboccato la via giusta, ma l'impressione è che i due club abbiano bisogno ancora di qualche giorno per venirsi incontro e accontentarsi a vicenda: quello inglese guadagnerebbe tanto da un giocatore non più nel progetto e soprattutto in scadenza nel 2022 e quello partenopeo si regalerebbe un terzino sinistro di sicuro spessore che tra l'altro, nella recente rassegna continentale, ha dimostrato un ottimo feeling con Lorenzo Insigne.

Il ritorno di fiamma
 

 Insomma, l'ottimismo non manca ma questo ingrediente nel calciomercato non basta per garantire la buona riuscita di un affare. Ecco perché all'ombra del Vesuvio si spulcia l'elenco dei vecchi obiettivi sulla corsia mancina: tra i nomi già sondati in passato spicca quello di Kostas Tsimikas, che un anno fa, proprio di questi tempi, si accasava al Liverpool rifiutando così l'intenso corteggiamento del Napoli. In realtà la prima stagione in Premier League del greco (pagato 13 milioni) è stata tutt'altro che entusiasmante e così l'ombra del divorzio anticipato avanza a grandi passi: complice anche il ritorno di fiamma dei partenopei, che intanto osservano con attenzione Faouzi Ghoulam. Dopo l'ennesimo infortunio le condizioni fisiche dell'algerino sono un rebus che gli azzurri vogliono risolvere a breve per capire il da farsi sul mercato: in uscita ma soprattutto in entrata, dove magari l'elenco dei terzini da acquistare potrebbe allungarsi.

Leggi anche - Napoli, tante buone notizie dall'amichevole col Bayern