Gli azzurri si allenano a Castel Volturno (Ansa)
Gli azzurri si allenano a Castel Volturno (Ansa)

Napoli, 8 maggio 2020 - Ora è ufficiale: da domani il centro tecnico di Castel Volturno accoglierà di nuovo gli allenamenti, seppur individuali, del Napoli, i cui giocatori sono tutti risultati negativi ai tamponi per individuare eventuali tracce di COVID-19.

Novità 5 sostituzioni

La notizia, per la verità, era nell'aria già da ieri, quando la prima tornata di esami aveva dato un esito confortante, confermato da quella odierna che ha fatto tirare un grosso sospiro di sollievo ad Aurelio De Laurentiis: nessun calciatore è risultato positivo al Coronavirus e, di conseguenza, si può cominciare ad abbozzare un tentativo di ritorno alla normalità. Per il lavoro collettivo degli atleti ci sarà comunque da aspettare fino al 18 maggio, data che in Campania, alla luce degli eccellenti numeri in questa fase della pandemia, potrebbe segnare l'inizio di tutto. Insomma, lo sport fa da traino per il resto delle attività sociali e viceversa, a testimonianza delle distanze letteralmente annullate da un'emergenza senza precedenti che ha costretto in particolare il mondo del pallone a rivedere le sue priorità. Dopo il buio sta arrivando però la schiarita: dal Governo, che tramite la sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa, per la prima volta esprime fiducia verso il riavvio del campionato e dagli organi che comandano il calcio a livello internazionale. Proprio oggi infatti l'IFAB ha approvato le 5 sostituzioni volute dalla FIFA per ovviare al lecito ritardo nella preparazione dei giocatori, che potranno ruotare in 3 finestre nell'arco della partita per evitare troppe interruzioni. Qualcosa di simile a quanto succede a livello giovanile, a riprova del fatto che il COVID-19 ha portato a galla le vulnerabilità di un settore che per troppo tempo (e a torto) si è ritenuto immune da ogni rischio.
 

Sogno zona Champions

A questo punto, con la ripresa mai così vicina almeno in linea teorica, ogni squadra si sta interrogando su cosa accadrà quando il pallone davvero tornerà a rotolare. Classifica alla mano, il Napoli sembrava aver detto addio al sogno Champions League, distante 9 punti. Eppure, ricominciare a giocare dopo così tanto tempo potrebbe azzerare qualsiasi gap. Ecco perché gli azzurri, guidati dalla grinta di Gattuso, qualora si dovessero spalancare i cancelli del San Paolo, vogliono credere realmente in una scalata che avrebbe del clamoroso. Così come, in effetti, avrebbe del clamoroso tornare a giocare dopo una tempesta che sta tuttora scuotendo il mondo intero.