Sampdoria-Napoli, la gioia di Insigne (Ansa)
Sampdoria-Napoli, la gioia di Insigne (Ansa)

Napoli, 24 settembre 2021 - La cinquina c'è: per la tombola piena bisogna aspettare maggio, ma intanto il Napoli continua a fare la voce grossa in campionato, dove finora non ha conosciuto altro sapore che quello della vittoria.

Leicester, la serata della svolta

L'ultima in ordine temporale ad arrendersi alla furia azzurra è stata la Sampdoria, stesa tra le mura amiche da una doppietta di Osimhen e da due colpi da biliardo delle bocche da fuoco del centrocampo Fabian Ruiz e Zielinski: nel mezzo un dominio perentorio che dà seguito all'altro roboante successo, tra l'altro ottenuto con lo stesso risultato, contro l'Udinese. Insomma, neanche il tempo di vedere le milanesi in vetta alla classifica che i partenopei si riappropriano subito della piazza più ambita, ottenuta con un trend perfetto: 5 vittorie, 14 reti segnate e appena 2 subite. Il vero salto di qualità sta però arrivando ultimamente, per la precisione dopo il grintoso pareggio in rimonta rimediato in casa del Leicester: da lì in poi nel Napoli, fino a quel momento più fortunato che bravo nei suoi successi, è scattato qualcosa che ha dato alla squadra la piena consapevolezza della propria forza. Il trascinatore della serata di esordio in Europa League, neanche a dirlo, fu Osimhen: lo stesso Osimhen che appunto da quel giorno si è caricato sulle spalle il peso dell'attacco azzurro, almeno per quanto riguarda la fase di finalizzazione. Il resto lo fa un'orchestra armonica dove tutto funziona, a cominciare da un Ospina bravo a farsi trovare pronto nelle rare occasioni concesse ultimamente agli avversari: una buona notizia per tutti tranne che per Meret, che ancora una volta potrebbe faticare per ritrovare il suo posto tra i pali.

Sarri nel mirino

Se nel primo tempo qualche spiffero dietro si è visto, nella ripresa il dominio dei partenopei si è palesato in tutta la sua veemenza anche grazie alla grande vena di Lozano, che risponde colpo su colpo a capitan Insigne servendo a sua volta 2 assist al bacio. Insomma, il viatico perfetto per provare a dare l'assalto alle 8 vittorie iniziali consecutive messe a referto dal Napoli di Maurizio Sarri. Non solo il mero gusto di eguagliare o addirittura migliorare la miglior partenza di sempre: all'orizzonte per Luciano Spalletti c'è una fase di calendario decisamente più complicata che probabilmente dirà qualcosa in più sulla reale forza degli azzurri. Intanto però il verdetto delle prime 5 giornate è chiaro e inconfutabile: il Napoli è ormai qualcosa in più di una semplice sorpresa baciata dalla buona sorte.

Leggi anche - Stadi, Vezzali: "Verso la piena capienza. Ma... "