Dries Mertens (Ansa)
Dries Mertens (Ansa)

Napoli, 29 gennaio 2020 - Gli ottimi risultati ottenuti contro Lazio e Juventus non hanno cambiato i piani di Aurelio De Laurentiis: un ciclo a Napoli è finito e la prossima estate ne dovrà cominciare uno nuovo, con l'antipasto di rivoluzione che è già in corso.

TRA PRESENTE E FUTURO - Non si può dire che il patron stia badando a spese in queste prime settimane di 2020: sono infatti oltre 60 i milioni spesi dai partenopei nella sessione invernale. Ai 13 sborsati per Diego Demme si sono via via aggiunti i 24 per Stanislav Lobotka e ieri i 19 più 2 di bonus e 2,5 per il prestito con obbligo di riscatto per Matteo Politano, senza considerare i 17 per Amir Rrahmani, che però all'ombra del Vesuvio sarà visto solo a giugno. Proprio l'asse con il Verona è il più caldo: sul piatto ci sono i cartellini di Sofyan Amrabat e Marash Kumbulla, con il Napoli disposto a pagare 20,5 milioni il primo e 26 il secondo, con la possibilità concreta di rimanere un altro anno in prestito alla corte di Ivan Juric. Il nodo per il marocchino resta l'inserimento della clausola rescissoria, motivo per cui nelle ultime ore Cristiano Giuntoli sta sondando la pista Nahitan Nandez: l'uruguaiano tuttavia non convince come Amrabat che, in caso di fumata bianca insieme al compagno di squadra Kumbulla e alla spesa già effettuata per Rrahmani, porterà a 63,5 i milioni pronti a transitare dal capoluogo campano a Verona. Anche la tratta Napoli-Milano è calda: se Politano è già sbarcato, è vicino anche l'approdo in prestito oneroso con diritto di riscatto fissato tra i 5 e i 6 milioni di Ricardo Rodriguez, che chiuderebbe così la pesante falla aperta a sinistra ormai da anni, consentendo anche l'eventuale cessione di Faouzi Ghoulam, che piace in Premier League. Il terzino svizzero sarà un rinforzo immediato, mentre Andrea Petagna lo è per giugno: la Spal ha infatti negato la cessione adesso del suo giocatore più rappresentativo, per acquistare il quale De Laurentiis ha messo sul piatto 16 milioni.

LE CESSIONI - Non solo entrate: la rivoluzione a Castel Volturno vedrà anche tante uscite che si concretizzeranno con l'arrivo della stagione calda o addirittura prima. La situazione più in bilico è quella di Dries Mertens, finito nei radar prima dell'Inter e poi del Chelsea. Se il belga rischia di salutare subito, per José Callejon se ne riparlerà a zero a luglio, quando rischieranno il taglio, stavolta dietro pagamento di somme rilevanti, due quasi colonne come Kalidou Koulibaly e Fabian Ruiz.