Napoli, 12 gennaio 2018 - Non solo mercato in entrata, con il fronte Simone Verdi destinato a sbloccarsi in un senso o nell'altro lunedì prossimo, quando è in programma un incontro con il giocatore: De Laurentiis è al lavoro per blindare anche due colonne attuali degli azzurri per evitare brutte sorprese per il futuro.

Calciomercato gennaio 2018: Inter, Roma, Napoli. Il punto sulle trattative

RISCHIO ITALO-INGLESE - Preoccupa in particolare la situazione contrattuale di Maurizio Sarri, legato al Napoli fino al 2020 ma con una grossa insidia che scatterà proprio quest'anno: dal 2 febbraio al 31 maggio infatti un altro club potrà esercitare la clausola rescissoria di 8 milioni prevista nell'accordo che vincola il tecnico toscano alla franchigia campana e strappare quindi a quest'ultima l'artefice di un miracolo che per ora parla di primo posto in classifica e di tanti record stracciati. La postilla non è sfuggita a varie società, tra cui Milan e Chelsea in pole, che hanno già inserito Sarri nella lista di candidati allenatori per il futuro. Dettaglio a sua volta già arrivato all'orecchio di De Laurentiis, al lavoro per blindare un matrimonio che pure ha vacillato varie volte nel corso di queste tre stagioni: il patron azzurro ha intenzione quasi di raddoppiare l'ingaggio al tecnico toscano - che passerebbe dal guadagnare 1,4 milioni all'anno a 2,5 - allungando il rapporto fino al 2021. Il tutto ovviamente senza la clausola rescissoria, che preoccupa anche su un altro fronte.

STIPENDIO DA TOP PLAYER - In attesa della risposta dell'entourage di Sarri, che prende tempo aspettando qualche richiesta da panchine illustri del calcio europeo, De Laurentiis sembra intenzionato a rivedere subito, a meno di 8 mesi dalla stipula, il contratto che lega Dries Mertens al Napoli fino al 2020. Anche in questo caso il pomo della discordia è la solita exit strategy, diventata una sorte di incubo per il patron: sono ''solo'' 28 i milioni che servono a un club straniero per interrompere il rapporto tra la società campana e colui che nella scorsa stagione ha segnato ben 34 gol. L'obiettivo di De Laurentiis è quello di alzare la clausola a 50 milioni ma con l'altra faccia della medaglia che parla della simultanea richiesta di Mertens di far lievitare anche il suo stipendio, che attualmente ammonta a 4 milioni più 1 di bonus: ne potrebbe bastare un altro in più, in linea quindi con gli ingaggi dei top player della Serie A, per siglare subito un altro rinnovo dell'accordo tra il Napoli e la sua prima punta, che finora in stagione è a quota 14 reti.