Napoli, 10 luglio 2018 - Da fine maggio è la telenovela principale del calciomercato italiano. O almeno lo è stata prima della clamorosa trattativa (con la fumata bianca arrivata oggi) tra la Juventus e Cristiano Ronaldo. Adesso però il futuro di Maurizio Sarri sembra finalmente incanalato verso il Chelsea e l'aiuto arriva da un giocatore in uscita dal Napoli.

10 MILIONI IN PIU' - Si tratta di Jorginho, a lungo vicino al passaggio al Manchester City. Poi una frenata forse nemmeno tanta improvvisa che fa rima con l'imminente approdo dell'ex tecnico azzurro ai Blues. Il regista italo-brasiliano, si sa, è uno dei giocatori più legati al toscano, da fine maggio quasi ''ostaggio'' di Aurelio De Laurentiis che, dal canto suo, deve sperare in Roman Abramovich per scrollarsi di dosso uno stipendio importante da pagare. Il grimaldello per risolvere uno dei casi dell'estate sembra essere proprio Jorginho, mai così vicino al Chelsea: pare infatti che ci sia addirittura un accordo tra il Napoli e i Blues sulla base di 65 milioni, 10 in più di quelli offerti dal Manchester City. Proprio i 10 milioni in questione finirebbero con coprire (e abbondantemente) la somma della vecchia clausola rescissoria ormai scaduta di Sarri, consegnando di fatto ad Abramovich il pacchetto completo: allenatore più regista. Non male per cominciare un nuovo progetto.

SPUNTA OGBONNA - Resta solo da trovare l'accordo con De Laurentiis, atteso nelle prossime ore a Dimaro, dove oggi è invece sbarcata la squadra. E non solo, perché nella località della Val di Sole ha avuto luogo il primo allenamento diretto da Carlo Ancelotti. Pezzo forte del lavoro proposto dal tecnico di Reggiolo è la ricerca continua del pressing collettivo, a dirla tutta una caratteristica degli azzurri già da tempo. E' ancora poco per avere indicazioni sul Napoli che sarà, ma l'ingrediente sicuro sembra l'intensità in ogni zona del campo. In attesa di vedere in azione i partenopei, arrivano anche indicazioni di mercato: Ancelotti ha richiesto un difensore italiano esperto, già individuato in Angelo Ogbonna, attualmente al West Ham. Il 30enne di Cassino piace perché ha fisico e può giocare sia a destra che a sinistra in una retroguardia a due, senza contare due aspetti che facilitano di molto la trattativa: il primo è il prezzo non eccessivo di Ogbonna, il secondo è che lo stopper ha lo stesso procuratore di Ancelotti. Insomma, tra Jorginho, Sarri e Ogbonna, la tratta tra Napoli e la Premier League sembra caldissima.