Mario Rui in azione contro il Liverpool
Mario Rui in azione contro il Liverpool

Napoli, 20 settembre 2019 - Da quasi partente a migliore in campo del match d'esordio in Champions League contro il Liverpool: l'inattesa parabola crescente ha stupito lo stesso Mario Rui, che ha analizzato il suo momento d'oro ai microfoni di Radio Kiss Kiss.

TRAPPOLA LECCE - "Sono felice di aver giocato così bene martedì sera ma lo sono ancora di più per la squadra: nessuno vince da solo e per battere la formazione al mondo più forte al mondo è stato fondamentale il lavoro del mister. Adesso però arriverà la parte più difficile: dovremo confermarci già domenica contro il Lecce - continua il portoghese - se no vanificheremo tutto quanto buono fatto finora da un gruppo che anno dopo anno si avvicina sempre di più ai suoi obiettivi". Se al momento a Napoli regna l'entusiasmo, lo stesso sta accadendo anche nel capoluogo salentino, prossima tappa della banda Ancelotti. "Hanno vinto meritatamente a Torino e avevano disputato una buona prestazione già contro l'Inter. Li abbiamo analizzati e sappiamo che hanno individualità importanti, quindi sottovalutare questa compagine per considerarla solo una neopromossa sarebbe un errore grave". Insomma, al Via del Mare si affronteranno due squadre che potranno contare sul sostegno incondizionato dei propri tifosi. "Quando gioco non mi accorgo di ciò che accade sugli spalti e sono solo concentrato sul campo. Voglio solo dare tutto per i miei compagni - continua Mario Rui - nonostante questa intenzione non sempre dia i suoi frutti".

I NUOVI ACQUISTI - A proposito di compagni: se a sinistra il portoghese ha scalato le gerarchie ormai da tempo, a destra c'è un nuovo arrivato che sta convincendo sempre di più. "Le qualità di Di Lorenzo sono sotto gli occhi di tutti. Inoltre è un bravo ragazzo che si è integrato benissimo in una squadra che sta crescendo sia fisicamente sia sotto l'aspetto dell'intesa reciproca". Oltre all'ex Empoli, a Napoli stanno brillando anche gli altri acquisti. "Llorente si è calato in questa realtà con grande umiltà, così come Lozano. Elmas invece è poco più di un ragazzo ma ha tanta personalità e qualità, due doti che ci torneranno molto utili per inseguire i nostri sogni". Oltre a quelli azzurri, i desideri di Mario Rui riguardano anche la Nazionale. "Mi piacerebbe guadagnarmi un posto nei prossimi Europei, ma so che per raggiungere questo traguardo devo fare bene con il Napoli e poi verrà tutto di conseguenza. Affinché ciò accada, chiedo il sostegno dei nostri tifosi perché ne avremo bisogno".