Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
23 feb 2022

Europa League, Napoli-Barcellona. Spalletti: "Per vincere dovremo osare"

Il tecnico toscano carica i suoi in vista del ritorno dei sedicesimi: "Chi non lotta perde già in partenza"

23 feb 2022
giusy anna maria d'alessio
Sport
Luciano Spalletti (Ansa)
Luciano Spalletti (Ansa)
Luciano Spalletti (Ansa)
Luciano Spalletti (Ansa)

Napoli, 23 febbraio 2022 - Dimenticare subito il mezzo passo falso contro il Cagliari con un'impresa in Europa League al cospetto del Barcellona: le idee il Napoli per quanto riguarda la partita in programma giovedì 24 febbraio alle 21 al Maradona le ha chiare, come hanno confermato in conferenza stampa Giovanni Di Lorenzo e Luciano Spalletti.

Le dichiarazioni di Di Lorenzo

 

E' stato proprio il terzino ad aprire la chiacchierata davanti a microfoni e taccuini: il primo pensiero è stato chiarire meglio le sue condizioni fisiche dopo la botta alla testa accusata all'Unipol Domus. "Il colpo è stato pesante ma ora sto bene". Insomma, niente può scalfire lo stacanovista degli azzurri, pronto come il resto della squadra a caricarsi tramite la spinta del pubblico di Fuorigrotta. "Finalmente ritroviamo i nostri tifosi e faremo di tutto per renderli felici". Affinché ciò succeda ci sarà bisogno di battere il Barcellona: nei tempi regolamentari, in quelli supplementari o addirittura tramite la lotteria dei rigori. "Ci siamo preparati anche a questa eventualità e, nel caso, mi piacerebbe calciarlo. Speriamo di chiudere la pratica prima: per farlo dovremo arginare la loro enorme qualità in attacco, reparto nel quale fanno dell'uno contro uno il punto di forza e poi essere più propositivi quando avremo l'occasione". Guai quindi ad appoggiarsi al solo Osimhen in avanti, come successo al Camp Nou. "Non dovrà essere lui a crossare, ma noi a rifornirlo adeguatamente. All'andata però il problema non è stato solo questo - ammette Di Lorenzo - vista la sofferenza che abbiamo avuto al cospetto del loro palleggio".

Le dichiarazioni di Spalletti

 

Un dettaglio che non è sfuggito neanche a Spalletti, che concorda con il terzino: il Napoli domani dovrà osare di più. "In generale funziona così: chi lotta può perdere, mentre chi non lotta ha già perso. Dovremo rischiare per evitare di subire troppo le loro iniziative che saranno tante e pericolose alla luce anche dell'1-1 dell'andata che lascia tutto aperto". Di mezzo per il Napoli c'è stata la deludente frenata di Cagliari. "Non dovremo farci condizionare da nulla: neanche dal fatto che loro sono senza Messi, visto che hanno già dimostrato di avere tanti altri giocatori forti". A proposito di giocatori forti: per il tecnico toscano si profilano due recuperi molto importanti. "Insigne e Politano si sono allenati, mentre Malcuit lo abbiamo perso per 2/3 settimane: a parte questa nota dolente - continua Spalletti - saremo sicuramente più competitivi rispetto alla gara dell'Unipol Domus".

Napoli, a Cagliari altro esame di maturità fallito
 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?