Tiémoué Bakayoko (Ansa)
Tiémoué Bakayoko (Ansa)

Napoli, 15 novembre 2020 - Il 4-2-3-1 che tanto bene sta facendo al Napoli probabilmente non sarebbe stato possibile senza l'innesto di Tiémoué Bakayoko, che in pochi mesi ha già conquistato tutti all'ombra del Vesuvio. Insomma, la luna di miele è quasi totale: manca solo il riscatto del centrocampista francese, con il club partenopeo che si è già attivato in tal senso.

La prima offerta

Potrà sembrare prematuro visto che la stagione è appena agli inizi e nel calcio, si sa, i giudizi subiscono oscillazioni pesantissime nel giro di poche settimane. Eppure Aurelio De Laurentiis ha già le idee chiare, al punto da aver incaricato Cristiano Giuntoli di cominciare a imbastire una trattativa con il Chelsea per accaparrarsi il cartellino di un giocatore che s'è fatto apprezzare nel giro di 22 giorni. Dall'esordio contro l'Atalanta al successo di Bologna: nel mezzo tante altre prestazioni di sostanza che hanno aiutato non poco la difesa azzurra a superare le numerose lacune espresse nel recente passato. Il tutto a zero euro di spesa: un affare o forse no, perché la formula del prestito secco spesso lascia l'amaro in bocca quando dopo un anno bisogna riconsegnare al mittente un giocatore che nel frattempo è rinato. E' questo il rischio che corre il Napoli con Bakayoko: un rischio da evitare a ogni costo, cominciando magari ad anticipare i tempi provando fin da subito a lavorare per il riscatto. La trattativa è già iniziata, con il club partenopeo che è pronto a presentare la prima offerta, che potrebbe essere quella buona.

Le vecchie ruggini

Sono 18 i milioni messi sul piatto da De Laurentiis per trasformare un prestito secco in qualcosa in più, confezionando così il primo regalo per suggellare il rinnovo di Gennaro Gattuso. La firma ancora non c'è, così come non c'è l'affondo buono per Bakayoko, che intanto non se ne fa un cruccio e continua a lavorare a testa bassa per diventare sempre più leader della squadra. Solo così il francese poteva riscattarsi agli occhi di Ringhio dopo qualche incomprensione di troppo avuta ai tempi della militanza di entrambi al Milan: la missione sta riuscendo perfettamente, per la gioia dei due protagonisti e del Napoli, che si è ritrovato in rosa un ottimo centrocampista e l'ha fatto per giunta senza spendere. Almeno per ora, ma 18 milioni, alla luce del listino prezzi attuale del mercato, non sembra nemmeno una cifra così alta per un giocatore appena 26enne ma con già tanta esperienza a livello internazionale: praticamente il profilo perfetto per il dopo Allan.

Leggi anche - Napoli, sospiro di sollievo per Osimhen