Napoli-Arsenal, il gol di Alexandre Lacazette (Lapresse)
Napoli-Arsenal, il gol di Alexandre Lacazette (Lapresse)

Napoli, 18 aprile 2019 - Serviva un'impresa per ribaltare il 2-0 maturato all'Emirates e invece, nel match di ritorno nel capoluogo partenopeo, è ancora l'Arsenal a imporsi per 1-0 grazie alla punizione vincente di Lacazette al 36'. E' di fatto la pietra tombale sui sogni di gloria di un Napoli che saluta l'Europa League confermando la parabola discendente intrapresa nell'ultimo periodo.

DOCCIA FREDDA LACAZETTE - Prima della fase offensiva, Ancelotti pensa a quella difensiva, affidandosi all'assetto a "3 e mezzo" con Maksimovic a destra e Chiriches e Koulibaly al centro, mentre davanti ci vanno Milik e Insigne, con Mertens relegato in panchina. Emery conferma quasi in blocco la formazione di 7 giorni fa, con la sola differenza della sostanza di Xhaka preferita alla fantasia di Ozil. Nonostante il vantaggio del match di andata, è l'Arsenal a impattare meglio l'incontro, ma le prime occasioni sono tutte firmate Napoli: la più clamorosa capita sui piedi di Callejon al 17', ma lo spagnolo spara addosso a Cech vanificando un bel contropiede orchestrato da Koulibaly e Fabian Ruiz. Al 28' è Milik, a cui poco prima era stato annullato un gol per fuorigioco, a cestinare la rete del vantaggio: il numero 99, servito da Zielinski, gira di testa out da buona posizione. I Gunners - che nel frattempo perdono per infortunio Ramsey, sostituito da Mkhitaryan - si fanno vedere dalle parti di Meret alla mezz'ora, ma il portiere azzurro risponde presente alla botta di prima di Aubameyang. Poco dopo però il numero 1 posiziona male la barriera su una punizione dalla trequarti che Lacazette trasforma proprio sul primo palo. Sul San Paolo cala un gelo che prova a spazzare via Callejon con un tiro al volo che non finisce troppo lontano dalla porta di Cech.

MILIK DI ORGOGLIO - All'alba della ripresa serve un super Meret per salvare sulla conclusione di prima di Aubameyang, servito da Mkhitaryan dopo un pasticcio di Allan. Le residue speranze di rimonta del Napoli sono alimentate dal colpo di testa da corner di Chiriches e dalla girata di mancino di Milik, deviata in angolo. Il polacco sarà protagonista anche al 74', quando il neo entrato Mario Rui lo servirà con un cross basso ciccato malamente dal numero 99. L'Arsenal rischia di farsi male da solo all'80' con la deviazione verso la propria porta di Monreal sulla quale Cech dimostra i riflessi dei giorni d'oro. Quei giorni d'oro lontani per un Napoli che saluta l'Europa League e, con essa, la possibilità di rendere positiva una stagione in chiaroscuro.

Napoli-Arsenal, gli striscioni allo stadio San Paolo (Ansa)

Napoli-Arsenal live, ritrovi qui la diretta testuale

Formazioni ufficiali 

Napoli (4-4-2): Meret; Maksimovic, Chiriches, Koulibaly, Ghoulam; Callejon, Allan, Zielinski, Fabian Ruiz; Insigne, Milik. All.

Arsenal (3-4-1-2): Cech; Papastathopoulos, Koscielny, Monreal; Maitland-Niles, Torreira, Xhaka, Kolasinac; Ramsey; Lacazette, Aubameyang. All. Emery

Arbitro: Hategan

Europa League live, le altre partite in tempo reale 

Contemporaneamente a Napoli-Arsenal sono andate in scena anche le altre partite dei quarti: Eintracht-Benfica, Chelsea-Sl. Praga e Valencia VillarrealQui tutti i risultati aggiornati per scoprire chi accede alle semifinali

Sport, tutti i risultati in tempo reale