Napoli, 23 maggio 2018 - Carlo Ancelotti è il nuovo allenatore del Napoli. Sono andate in porto le trattative che si sono volte questa mattina a Roma e a cui ha partecipato lo stesso tecnico insieme al suo entourage e ai dirigenti della società partenopea. Restano solo alcuni dettagli riguardanti lo staff tecnico e le clausole contrattuali minori. Prima dell'annuncio da parte del presidente De Laurentiis si dovranno, inoltre, superare alcuni adempimenti burocratici, ma l'accordo è ormai chiuso.

Stando alle ultime indicazioni, per l'ex tecnico del Bayern Monaco si profila un contratto biennale con opzione per il terzo anno da circa 6 milioni di euro a stagione, un accordo che non potrà però essere ratificato fin quando non sarà definito il futuro di Maurizio Sarri, ancora legato al club azzurro fino al 2020. Al momento le ipotesi sul tavolo sono tre: aspettare l'arrivo di un club che possa pagare la clausola da 8 milioni (Zenit), pagare i 500mila euro della penale per svincolarlo dal contratto con gli azzurri, oppure tenere l'allenatore toscano ancora a libro paga, aspettando di trovare una soluzione che accontenti entrambe le parti.

Napoli, al via l'era Ancelotti. I primi obiettivi di mercato

Al summit nella sede Romana della Filmauro, era presenza la dirigenza del Napoli al gran completo e lo staff di Ancelotti, tra cui il figlio Davide, il genero Mino Fulco, il preparatore atletico Mauri ed il figlio di quest'ultimo Francesco. L'annuncio potrebbe essere dato già domani, in occasione del compleanno del presidente De Laurentiis. Più probabile che si aspetti il 1° giugno, subito dopo la scadenza del contratto che ancora lega 'Carletto' ai tedeschi.