Sabato Mourinho festeggerà le mille panchine in carriera
Sabato Mourinho festeggerà le mille panchine in carriera

Roma, 10 settembre 2021- Nella partita di domenica contro il Sassuolo all'Olimpico Jose Mourinho toccherà quota mille panchine in carriera: un traguardo importante per l'allenatore della Roma che vorrà celebrare a tutti i costi con un trionfo, anche per avvicinarsi a un record personale. Dai primi passi ai trionfi in Champions League, fino ad arrivare nel cuore della capitale, per il portoghese sarà un evento unico e indimenticabile.

Il bilancio di Mourinho

Sono passati tanti anni dal suo esordio e l'allenatore ha percorso tanta strada prima di sedersi sulla panchina della Roma. Contro il Sassuolo toccherà quota mille partite, un numero immenso dentro il quale si racchiude una carriera vissuta sempre al massimo. Il bilancio complessivo sorride a Mourinho: la sua media punti è di 2,11 a partita ed è fatta di 637 vittorie, 205 pareggi e 157 sconfitte. In Italia nessuno è mai riuscito a fare meglio di lui e il portoghese spera di portare avanti la striscia positiva cominciata con i giallorossi. "Novantamila minuti, più i vari recuperi… Sono tanti! Ma non è cambiato nulla in me", ha dichiarato all'agenzia Lusa, "non ho mai pensato di raggiungerle, né le ho mai contate o mi sono preoccupato".

I complimenti di Sir Alex Ferguson

E per un traguardo così non poteva mancare un pensiero da parte di uno degli allenatori più celebri di tutti i tempi, Sir Alex Ferguson. Con la partita di sabato Mourinho entrerà nella “Hall of Fame 1000 Club” e l'ex allenatore del Manchester United lo ha celebrato con un post sulla sua pagina ufficiale: "Raggiungere le 1000 partite come manager sarà un motivo di grande orgoglio sia per José che per la sua famiglia, giustamente. Raggiungere questo traguardo come allenatore è un risultato eccezionale per José, in particolare farlo eccellendo e vincendo titoli in quattro campionati europei e, naturalmente, alzando due Champions League lungo il percorso. I risultati di José gli garantiranno sempre di venir riconosciuto come uno dei più grandi allenatori”.

Leggi anche - Serie A, le probabili formazioni della terza giornata