Italia-Cina, l'esultanza delle azzurre (LaPresse)
Italia-Cina, l'esultanza delle azzurre (LaPresse)

Rennes, 25 giugno 2019 – Sarà l’Olanda ad affrontare l'Italia nei quarti di finale dei mondiali di calcio femminile. Le orange hanno infatti sconfitto agli ottavi il Giappone per due reti a una, grazie ad una doppietta della stella Lieke Martens. Le giapponesi, campionesse nel 2011 e seconde nel 2015, sono fuori anzitempo dalla rassegna iridata.

Italia-Cina 2-0, la cronaca della partita

Orari tv

La partita tra Olanda e Italia è in programma sabato 29 giugno alle 15 allo Stade du Hainaut di Valenciennes (Francia). Sarà trasmessa come di consueto in diretta tv in chiaro sulle reti Rai (ancora da stabilire il canale) e su Sky Sport Mondiali (canale 202). Streaming sulla piattaforma Sky Go e su Rai Play.

L'Olanda stende il Giappone

La gioia di Martens e MiedemaMARTENS E HASEGAWA - Le vice campionesse mondiali schierano Sugasawa e Iwabuchi come coppia d’attacco, le olandesi rispondono con il tridente composto da Martens-Miedema-Van de Sande. Olanda subito vicina al gol al 6’, percussione di Martens che crossa splendidamente per Miedema, la deviazione di Sameshima mette la palla sul palo a portiere battuto. Meglio le orange in avvio, e già al 17’ arriva il vantaggio: corner da sinistra e tacco meraviglioso di Martens che batte Yamashita per l’1-0. Il Giappone reagisce immediatamente al 19’, Sugasawa lanciata in profondità coglie il palo con un destro a giro rasoterra imprendibile per Van Veenendal. Le giapponesi trovano allora maggior coraggio, mentre le olandesi sembrano accusare il colpo della paura del pareggio, lasciando aperta una porta alle avversarie che si infilano senza remore: al 44’ Iwabuchi pesca Hasegawa in area, 1-1. Dall’altra parte si registra una serpentina di Miedema ma la conclusione è centrale. A fine primo tempo il risultato è di parità.

IL GIAPPONE DOMINA, MA… - La ripresa si apre con uno squillo olandese, punizione di Spitse deviata da Yamashita senza particolari patemi. Ma è il Giappone a crescere, Nakajima scaglia un sinistro verso la porta che Van Veenendal deve respingere con qualche difficoltà. Il match è equilibrato, tuttavia le olandesi non riescono più a trovare le scorribande sulla fascia con Martens, ben controllata dalla difesa avversaria, mentre dall’altro lato Hasegawa sfiora il 2-1 con un destro a giro da poco dentro l’area. Al 75’ Iwabuchi scatta in profondità verso la porta, ma il destro è sull’esterno della rete da buonissima posizione. Tre minuti dopo Sugita si guadagna la conclusione mancina che si stampa sulla traversa. Passa un minuto e la neo entrata Momiki scaglia un sinistro dai 16 metri, Van Veenendal devia in angolo da campionessa. Giappone al comando della gara, con la sensazione che possa vincerla, ma al minuto 88 c’è l’episodio che cambia le sorti del Mondiale: in una mischia in area Miedema calcia di prima intenzione e Kumagai, fin lì tra le migliori, devia di braccio e per l’arbitro è rigore. Martens trasforma, 2-1 e doppietta. Il Giappone si riversa in maniera furibonda nella metà campo olandese e in pieno recupero Sugita conclude a botta sicura da centro area, Van der Gragt salva tutto sulla linea. E’ l’ultima emozione, l’Olanda va ai quarti ed è il prossimo avversario delle azzurre.