Aurora Galli firma il 2-0 (Ansa)
Aurora Galli firma il 2-0 (Ansa)

Montpellier, 25 giugno 2019 - Impresa dell'Italia ai mondiali di calcio femminile. Le ragazze di Milena Bertolini battono la Cina 2-0 e raggiungono i quarti di finale in Francia: un successo firmato Giacinti e Galli che eguaglia il risultato ottenuto nel 1991. Il migliore di sempre.

Mondiali femminili, il tabellone dei quarti 

Completo dunque il quadro delle migliori otto. Ai quarti l'Italia femminile giocherà contro l'Olanda - che questa sera ha battuto 2-1 il Giappone - il 29 giugno. Norvegia e Inghilterra si affronteranno il 27 giugno, Francia e Stati Uniti il 28 giugno, Germania e Svezia il 29 giugno. 

Norvegia - Inghilterra 27/06, ore 21, Le Havre
Francia - Usa 28/06, ore 21, Parigi
Italia - Olanda 29/06, ore 15, Valenciennes
Germania - Svezia 29/06, ore 18.30, Renne

Valentina Giacinti (Ansa)

Italia-Cina, la cronaca 

(di Francesco Bocchini)

Storiche sorelle d'Italia! La Nazionale del commissario tecnico Milena Bartolini eguaglia il proprio miglior risultato a un Mondiale, centrando - grazie al 2-0 rifilato alla Cina - il pass per i quarti di finale: come nel 1991, anche se questa è la prima volta che le nostre riescono ad aggiudicarsi una sfida a eliminazione diretta in una rassegna iridata. Le reti della vittoria azzurra portano la firma di Giacinti nel primo tempo e di Galli nella ripresa. Monumentale la difesa guidata da capitan Gama, capace sostanzialmente di non far mai calciare in maniera pericolosa verso la propria porta le avversarie.

Nonostante la posta in palio, le azzurre non si fanno prendere dall'emozione. Anzi, tutt'altro, perché sono Bonansea e compagne a partire decisamente meglio. Al 9' Giacinti sorprende alle spalle la retroguardia asiatica, batte Peng, ma l'arbitro Batista annulla per posizione di fuorigioco della giocatrice italiana. Passano tre minuti e l'attaccante del Milan potrebbe sbloccare il risultato per davvero, ma la sua conclusione con il portiere avversario fuori dai pali non inquadra lo specchio. Poco male, perché al 14' la stessa Giacinti non perdona: decisivo il tocco di Bartoli, smarcata da Bonansea, che di fatto permette alla numero 19 di siglare l'1-0, meritato alla luce di quanto visto nel primo quarto d'ora di gara.

La reazione della Cina è sterile e sta tutta in un tiro dalla distanza di Wang Shuang, che non sorprende Giuliani. Bello l'intervento del portiere azzurro, così come quello al 32' della collega Peng, che dice di no al tentativo a botta sicura di Bergamaschi. La selezione guidata da Jia Xiuquan cresce con il trascorrere dei minuti, ma non riesce a creare grossi pericoli alla porta italiana.

La Nazionale del Belpaese infatti si difende con attenzione e, pur soffrendo, riesce a chiudere avanti il primo tempo. L'intervallo spezza il ritmo delle asiatiche e le azzurre ne approfittano con Galli, il cui destro chirurgico non dà scampo a Peng. E' il 49' e l'Italia ha in mano la qualificazione. Anche perché le giocatrici cinesi, pur dominando nel possesso palla, faticano a calciare verso la porta difesa da Giuliani e di conseguenza perdono fiducia. La selezione di Bertolini ha vita facile grazie al proprio reparto arretrato, un'autentica muraglia. E così al triplice fischio di Batista può scattare la festa azzurra per un risultato storico.