Gianni Infantino
Gianni Infantino

Milano, 8 settembre 2021 - A lanciare l'idea, circa una settimana fa, era stato Arsene Wenger: disputare il Mondiale non più ogni quattro, bensì ogni due. Un'idea che non ha trovato l'appoggio del presidente Uefa, Aleksander Ceferin ("Più non è sempre meglio, il Mondiale è un gioiello proprio per la sua rarità, ogni due anni rischia di perdere prestigio"), ma da quello della Fifa sì. "Non dimentichiamoci che 166 associazioni, l'88%, hanno votato a favore per approfondire lo studio di fattibilità - sottolinea Gianni Infantino ai microfoni di Sky Sports - Stiamo facendo proprio questo: studiare il calendario e consultare tutti, a cominciare dai protagonisti del calcio come giocatori e allenatori". 

"Troppe gare inutili"

Come aveva già sottolineato Wenger, ex allenatore dell'Arsenal e attuale responsabile dello sviluppo mondiale del calcio dalla Fifa, uno dei problemi maggiori il numero troppo elevato di finestre dedicate alle Nazionali. "La situazione attuale del calendario internazionale ci mostra che abbiamo raggiunto dei limiti - il pensiero di Infantino - A causa del Covid oggi è molto difficile per i giocatori spostarsi e viaggiare in giro per il mondo. Tutto questo non fa bene alla salute degli atleti. Ci sono troppe partite inutili. Dobbiamo valutare il da farsi - conclude il numero uno della Fifa - e trovare un sistema chiaro e semplice, comprensibile per tutti". 

Leggi anche: Inter, il rinnovo di Lautaro è a un passo