6 gen 2022

Milan-Roma, Pioli: "Sono soddisfatto". Mourinho: "Noi male ma anche Chiffi e il VAR"

Le reazioni del postgara di San Siro

matteo airoldi
Sport
AC Milan�s manager Stefano Pioli reacts during the Italian serie A soccer match between AC Milan and As Roma at Giuseppe Meazza stadium in Milan,  6 January   2022.
ANSA / MATTEO BAZZI
Stefano Pioli, tecnico del Milan (Ansa)

Milano, 6 gennaio 2022 – Parte con il piede giusto il 2022 del Milan che batte la Roma con un netto 3-1 e si riporta momentaneamente a -1 dall’Inter. Un successo pesantissimo anche per via dell’emergenza con cui erano costretti a fare i conti i rossoneri e che ha lasciato ovviamente soddisfatto mister Stefano Pioli, intervenuto ai microfoni di DAZN: “Ero sicuro che avessimo fatto una buona sosta. La squadra aveva bisogno di rifiatare e di lavorare con la giusta intensità. Questo è un periodo particolare, in cui ricordiamo ogni giorno ai nostri giocatori di farsi trovare preparati perché possono succedere imprevisti. Vedere la squadra così pronta, preparata e con le idee chiare è un bellissimo segnale che ci deve accompagnare per tutto il ritorno”. Ora testa al match contro il Venezia di domenica: “Queste prove fanno bene ma solo se si è capaci di replicarle e noi dobbiamo farlo domenica perché la continuità fa la differenza in un campionato così competitivo. Abbiamo l’obbiettivo di migliorare il punteggio dello scorso anno; sono soddisfatto, ma dobbiamo concentrarci immediatamente all’impegno di domenica perché si rischiano figuracce se non si tiene alto il livello”.

Mourinho non ci sta

Non è invece soddisfatto della prova dei suoi Josè Mourinho: “Siamo rimasti in partita anche sotto 2-0, almeno fino a quando è stato espulso Karsdorp. A livello tecnico abbiamo però giocato una partita di livello basso tecnicamente. Abbiamo sbagliato cose basiche del calcio. Il secondo gol e l’ultimo rigore sono due esempi di tante situazioni nelle quali abbiamo perso palla con troppa facilità”. Il tecnico portoghese non ha però risparmiato una pesante stoccata all’arbitro Chiffi e agli addetti al VAR, colpevoli secondo Mourinho di aver valutato in maniera difforme alcuni episodi: “Devo purtroppo parlare anche di arbitro e VAR perché non mio è ancora arrivata nessuna immagine nella quale si vede che il primo rigore è rigore. Abraham allarga il braccio ma non si vede un contatto puro con il pallone. Fossi stato l’arbitro ma non avrei dato i rigori a Leao, Zaniolo e Ibanez, ma ne è stato dato uno al Milan. Se sei al VAR e vuoi fare il fenomeno chiami Chiffi che non ha avuto personalità.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?