Stefano Pioli (ANSA)
Stefano Pioli (ANSA)

Milano, 3 luglio 2020 - Il pareggio portato a casa in rimonta a Ferrara contro la Spal ha rappresentato in termini di risultati un piccolo passo indietro per il Milan dopo i successi netti contro Lecce e Roma che ha messo in luce la difficoltà dei rossoneri di chiudere i conti con le cosiddette “piccole”. Il Milan però non può perdere tempo a rimuginare perché domani sera alle 21.45 (diretta televisiva su Dazn) andrà a far visita alla Lazio, avversario decisamente ostico e primo step di un trittico di gare che vedrà i rossoneri affrontare anche Juventus e Napoli: “Vogliamo sempre cercare di avere il comando della partita - ha detto Pioli alla vigilia - e a Ferrara dovevamo sicuramente segnare di più. Questo è un aspetto su cui dovremo lavorare di più. Le prossime partite saranno sicuramente più difficili e sarà di conseguenza maggiormente complicato creare occasioni, quindi dovremo essere più cinici. A me comunque, oltre a ciò che concediamo agli avversari, interessa quello che produciamo in termini di tiri e occasioni”. Adesso la testa è rivolta come detto al match contro la Lazio che pur avendo assenze pesanti come Immobile e Caicedo resta una squadra di primissima fascia: “La Lazio è forte, completa, si sta giocando lo scudetto e ha saputo anche fare due rimonte importanti in questo periodo. Pur non potendo contare su Caicedo e Immobile non perderanno valore e non cambieranno stile di gioco perché hanno giocatori molto importanti come Correa. Sarà una gara molto complicata anche dal punto di vista ma abbiamo fiducia nei nostri mezzi. Dovremo essere compatti, lucidi e interpretare bene i vari momenti della partita”.

Le assenze - su tutte quella di Castillejo, che a Ferrara ha rimediato una lesione lieve al bicipite femorale che sarà rivalutata tra una settimana - non mancano però neppure sul fronte rossonero così come non mancano però le note liete come le recenti prestazioni di Leao - in gol contro Lecce e Spal - e Paquetà che potrebbero avere chance d’impiego dal primo minuto anche se Pioli preferisce non sbilanciarsi: “Ogni partita per un giocatore del Milan deve essere una grande occasione. Leao sta facendo bene e ama giocare al di fuori dell’area, più largo. Domani vedremo ma le scelte che farò non saranno condizionate dalle gare precedenti. In questo periodo con gare ravvicinate servirà freschezza fisica e mentale”. Maggiori spazi, infine, potrebbe averli anche Zlatan Ibrahimovic che ha recuperato completamente dall’infortunio muscolare patito a fine maggio: “Non sappiamo quanti minuti Ibra abbia nelle gambe. Forse non lo sa neppure lui. Ieri si è allenato bene ma la sua condizione migliorerà solo giocando. Contro la Lazio spero possa giocare qualche minuto in più”.