A destra Bonera (ANSA)
A destra Bonera (ANSA)

Milano, 21 novembre 2020 – In casa Milan è tutto pronto per la grande sfida di domani sera al San Paolo contro il Napoli (calcio d’inizio alle 20.45 con diretta su Sky Sport). A guidare dalla panchina i rossoneri, vista la positività al coronavirus di mister Stefano Pioli e del suo vice Giacomo Murelli, ci sarà Daniele Bonera che oggi ha tenuto la consueta conferenza stampa prepartita: “Domani sarà una partita difficile e ci saranno molte variabili che incideranno sul risultato, ma noi andremo senza dubbio a Napoli per imporre il nostro gioco”.

L’allenatore rossonero preferisce però non parlare di esame finale: “Tutte le gare sono importanti, per questo non la vedo come un esame finale. Credo nel senso di responsabilità dei giocatori ma è solo un tassello perché manca ancora tanto”. L’ultimo successo rossonero al San Paolo risale al 2010 quando Bonera era in campo: “Ricordo con affetto quella partita come tutte le vittorie. Vincemmo e poi tutti sappiamo come andò. Sono contento anche di riabbracciare Rino che è stato un amico in campo e adesso lo è anche fuori. Dopo la partita avremo sicuramente modo di salutarci affettuosamente”.

Lo sguardo di Bonera si è poi spostato sulla settimana senza Pioli, in cui però non si è mai sentito solo: “Sono sempre rimasto a stretto contatto con il mister e non mi sono sentito solo. Ho avuto un grande supporto tecnologico e ringrazio per questo la società. Negli allenamenti comunque ho avuto carta bianca. Il fatto che domani ci sia io in panchina domani cambia poco perché non sarò solo. I giocatori daranno sempre il massimo”.

La sosta, Kessie rigorista e il contratto di Calhanoglu

La sosta delle nazionali ha spezzato un tour de force che sembrava aver fatto perdere un po’ brillantezza ai rossoneri che adesso però sono pronti a ripartire in quinta: “I giocatori stanno, bene eccetto Leao che ha avuto un problema, e mi hanno dato la massima disponibilità. Arrivavamo da un tour de force importante e i giocatori hanno potuto staccare anche mentalmente anche se sono stati impegnati con le nazionali. Ho visto un clima più disteso”. Domani, vista l’assenza di Leao, ci sarà il probabile ritorno dal primo minuto di Ante Rebic: “Per noi è un giocatore importante e sappiamo che non è ancora al 100% perché il problema avuto lo condiziona a livello posturale. Deve avere una buona condizione per sfruttare le sue caratteristiche appieno. Non ci voleva il problema di Leao ma abbiamo comunque diverse soluzioni”.

In caso di rigore sul dischetto tornerà Kessie: “Lo ha detto Ibra e se lo dice lui io alzo le mani”. Bonera ha infine parlato della situazione contrattuale di Calhanoglu – in scadenza a giugno – che non sembra però condizionare il fantasista turco: “Siamo molto contenti del suo rendimento. Non entro in aspetti contrattuali ma lui ci ha fatto capire che a questa maglia”.

Leggi anche - Serie A live: le partite di oggi. Risultati e classifica