Matteo Politano (Ansa)
Matteo Politano (Ansa)

Milano, 14 marzo 2021 - Nella sua esperienza all'Inter aveva deluso le aspettative, ma da avversario Matteo Politano fa una regalo alla sua ex squadra mettendo a segno al 49' il gol che stende il Milan, portando i nerazzurri a +9 in classifica sui rivali concittadini, che nel finale perdono Rebic per rosso diretto. In realtà l'esterno il dono più grande lo fa ai partenopei, che salgono a 50 punti, affiancando in graduatoria la Roma prossima avversaria e soprattutto dando nuova linfa al sogno Champions League, distante ora appena 2 lunghezze con una partita ancora da recuperare.

Primo tempo

Dopo un inizio spezzettato da tanti falli, il primo squillo matura all'11' ed è firmato Calhanoglu, che scambia con Theo Hernandez e poi col destro a giro non va lontano dal bersaglio grosso. La replica del Napoli arriva al 16' con una gran botta di Zielinski sulla quale Donnarumma deve distendersi. Dopo una fase di stanca il protagonista al 29' è ancora il polacco, che riceve l'appoggio di Insigne e col mancino di prima sfiora il punto del vantaggio per i suoi, che si fanno preferire sul rettangolo verde senza tuttavia riuscire a capitalizzare la mole di gioco.

Secondo tempo

La missione agli azzurri riesce al 49', quando Politano riceve il traversone dall'altro lato di Zielinski e con un destro a incrociare non lascia scampo a Donnarumma. Il Napoli non è sazio e soprattutto non lo è l'ex Inter, che al 58' si mette al servizio di Fabian Ruiz, che col mancino sollecita i riflessi del portiere di casa: occorre poi l'intervento di Gabbia per perfezionare il disimpegno. Il Milan potrebbe pareggiare al 65' con Leao che, pescato benissimo da Rebic, non sfrutta a dovere il buco di Koulibaly e calcia al volo senza la giusta convinzione verso Ospina, che blocca con tranquillità: al 71' il colombiano deve faticare di più sull'incornata di Rebic su punizione di Tonali. All'83' a provarci è Theo Hernandez dalla distanza: la potenza c'è, la mira no. L'arbitro Pasqua ordina 5' di recupero che servono ai rossoneri solo per perdere Rebic per eccesso di proteste: per lui arriva il rosso e per il Milan una sconfitta che frena forse definitivamente le ambizioni scudetto, mentre per il Napoli (che al 93' sfiora il colpo del ko con un tiro al volo di Osimhen) matura una vittoria che vale l'aggancio alla Roma a una settimana dallo scontro diretto.

Leggi anche - Serie A, nuovo record per Fabio Quagliarella