Gattuso (LaPresse)
Gattuso (LaPresse)

Milano, 23 marzo 2019 – Mentre ben undici componenti della rosa sono impegnati con le rispettive nazionali e al resto del gruppo è stato concesso un weekend di riposo, mister Gennaro Gattuso si è recato a Liverpool dove, con una rappresentativa di leggende rossonere allenata da Carlo Ancellotti, ha giocato un’amichevole a scopo benefico affrontando l’omologa squadra dei "Reds" in una sorta di remake delle finali di Champions League del 2005 e del 2007. In campo tra i rossoneri c’erano campioni del recente passato de calibro di Kakà, Inzaghi, Cafù, Maldini, Pirlo e Rui Costa (solo per citarne alcuni); nomi altisonanti che però non sono bastati per portare la truppa milanista al successo. La posta in palio è finita infatti nelle mani degli inglesi che si sono imposti per 3-2 grazie ad una rete siglata allo scadere da Steven Gerrard (gli altri gol sono stati messi a segno da Fowler e Cissé per gli inglesi e da Pancaro e Pirlo per il Milan).


A margine dell’evento, ai microfoni di Sky Sport, ha parlato Kakà – da tempo riavvicinato al Milan per un possibile ingresso in dirigenza – che ha elogiato le qualità del connazionale Paquetà (oggi in gol con il Brasile), arrivato in rossonero a gennaio e già inseritosi perfettamente negli schemi di Gattuso: “Paquetà è già migliorato molto e ha imparato già a gestire i momenti in cui attaccare e quelli in cui deve difendere. Ora deve solo avere il giusto tempo per maturare ma sono certo che ci riuscirà perché ha un bravo tecnico che conosce i giocatori sudamericani. Gattuso ha aiutato tanto anche me”.