Milan-Lecce 2-2 (Newpress)
Milan-Lecce 2-2 (Newpress)

Milano, 20 ottobre 2019 – Il Milan torna a San Siro per giocare l’ottava giornata di Serie A dopo l’esonero precoce di Giampaolo e con in panchina il nuovo allenatore, Stefano Pioli. Il Lecce, conquistati sei punti nelle prime sette gare, cerca fortuna in un campo difficile. I rossoneri passano in vantaggio al 20’ grazie ad un gol di Calhanoglu, ma gli ospiti pareggiano i conti nella ripresa con Babacar, dopo che Donnarumma era riuscito a neutralizzare il suo calcio di rigore. Piatek realizza il momentaneo 2-1 all’80’, mentre Calderoni realizza un gran gol al 92’ che permette ai suoi di strappare un punto prezioso in ottica salvezza.

Milan-Lecce 2-2, rivivi la diretta

Serie A, risultati e classifica

MILAN FRIZZANTE - Il primo Milan di Pioli scende il campo con il 4-3-3. La novità è Leao punta centrale a scapito di Piatek, che si accomoda in panchina. Il Lecce schiera un 4-3-1-2, con Mancosu a supporto di Babacar e Falco. Leao si rende pericoloso ben due volte nei primi 180 secondi di partita. Prima scalda i guanti di Gabriel, che devìa e trova Paquetà, il quale sbaglia a porta spalancata un pallone comunque non semplice; poi colpisce l’esterno della rete con un rasoterra indirizzato sul primo palo. I rossoneri creano gioco e all’11’ è Suso a fornire un bel filtrante in area per l’inserimento di Calhanoglu, che conclude largo. Il turco va ancora al tiro due minuti dopo col mancino, ma il pallone finisce ancora sul fondo. Proprio l’ex Bayer Leverkusen realizza il gol dell’1-0 al 20’: Biglia lo lancia in profondità, l’attaccante si infila tra i due centrali leccesi controllando bene la sfera e scarica un destro potente sul primo palo. Colpevole Gabriel, non in grado di coprire al meglio il proprio palo. Il Diavolo fraseggia bene e San Siro applaude. Suso al 29’ impegna ancora una volta il portiere ospite, chiamato spesso in causa in questa prima mezz’ora. Il Lecce fatica a costruire gioco palla a terra e si affida quindi ai lanci lunghi verso Babacar, facile preda di Romagnoli e Musacchio. Il primo tentativo degli uomini di Liverani arriva solo al minuto 40, quando Falco gira al volo sopra la traversa un cross di Mancosu. Il primo tempo si chiude con il Milan avanti 1-0.

PARI SCOTTANTE – Il Lecce ritorna sul terreno di gioco con maggiore intensità e portando più uomini in avanti, mentre il Milan cerca il colpo del 2-0 che metterebbe in ginocchio gli ospiti. Al 59’ Conti intercetta un cross in area del neo-entrato Farias, colpendo però con un braccio e impedendo a tre giocatori avversari di poter calciare in porta. L’arbitro Pasqua va al VAR e decide di assegnare il calcio di rigore. Babacar si presenta sul dischetto e si fa ipnotizzare da Donnarumma che però respinge centrale. Il numero 30 del Lecce torna sul pallone e ribadisce in rete, realizzando il gol del pareggio al minuto 62. La partita cambia completamente. I salentini, ora in fiducia, vanno vicini al vantaggio dopo un tentativo in rovesciata di Mancosu. Dall’altra parte Calhanoglu colpisce la traversa direttamente dalla bandierina del calcio d’angolo. Sempre il turco, in grande spolvero, gira al volo dai sedici metri una sponda di Krunic ma non trova il bersaglio. I rossoneri aumentano la pressione offensiva, costringendo gli ospiti ad abbassarsi. A dieci minuti dalla fine Calhanoglu sale ancora in cattedra: dribbla con il tacco un difensore dopo aver chiuso un triangolo con Krunic e serve un pallone d’oro nel cuore dell’area a Piatek. Il polacco, subentrato al posto di Leao, batte Gabriel e sigla il 2-1 Milan all’80’. I ragazzi di Liverani non ci stanno e reagiscono, alla ricerca disperata del pareggio. A trovare il jolly della domenica è Calderoni, che sfodera un destro potente e preciso da oltre venti metri al 92’. Il pallone si insacca a fil di palo ai danni di un incolpevole Donnarumma. La gara si chiude sul 2-2: il nuovo Milan di Pioli esordisce con un pari davanti al proprio pubblico.

Tabellino

Milan (4-3-3): Donnarumma, Conti, Hernandez, Musacchio, Romagnoli, Kessie (79' Rebic), Paqueta (67' Krunic), Biglia, Leao (67'Piatek), Calhanoglu, Suso. A disp.: Reina, A.Donnarumma, Caldara, Duarte, Gabbia, Rodriguez, Bennacer, Bonaventura, Rebic, Borini. All.: Pioli.

Lecce (4-3-2-1): Gabriel, Meccariello, Rossettini, Lucioni, Calderoni, Mancosu, Tachtsidis, Majer (64' Petriccione), Tabanelli, Falco (46' Farias), Babacar. A disp.: Vigorito, Benzar, Riccardi, Dell'Orco, Vera, Shakhov, Lo Faso, Lapadula, La Mantia. All: Liverani.

Arbitro: Pasqua.

Reti: 20' Calhanoglu, 62' Babacar su rigore, 81' Piotek, 92' Calderoni Ammoniti: Majer, Bigia, Rossettini. Espulso il tecnico del Lecce Liverani per proteste.