Kjaer con la maglia dell'Atalanta (Ansa)
Kjaer con la maglia dell'Atalanta (Ansa)

Milano, 13 gennaio 2020 – In casa Milan oggi è stato il giorno di Simon Kjaer. Il difensore centrale danese classe 1989, infatti, dopo aver superato le visite mediche, ha espletato anche le ultime formalità burocratiche firmando il contratto che sancisce il suo passaggio in rossonero con la formula del prestito fino a giugno con diritto di riscatto fissato a circa 3 milioni da corrispondere al Siviglia. L’ex Atalanta, in attesa della presentazione ufficiale alla stampa che sarà giovedì, ha poi concesso qualche battuta ai microfoni di Milan TV: “Arrivo in una società storica in cui hanno giocato alcuni tra i calciatori più forti del mondo. Ci hanno giocato alcuni tra i difensori più forti di sempre come Nesta, Baresi e Maldini e ho fatto questa scelta anche per questo motivo. Il Milan era il mio sogno da tanti anni e adesso sono finalmente arrivato. Spero di poter portare il Milan il più in alto possibile. Qui ci sono tanti giocatori di prospettiva e di qualità. Qui c’è un progetto e spero di potermi guadagnare il riscatto dopo questi mesi di prestito”.

Il danese ha poi rivelato un retroscena legato Jon Dahl Tomasson che con la casacca del Milan ha anche vinto uno scudetto: “Ci siamo parlati pochi giorni fa e mi ha detto cose molto positive sul Milan e su Milano”. Kjaer si è successivamente messo a disposizione di mister Stefano Pioli per il primo allenamento in rossonero. Il suo esordio con la nuova casacca potrebbe quindi avvenire nel match di Coppa Italia contro la Spal in programma mercoledì. Difficile invece vedere tra i pali Asmir Begovic, nuovo secondo portiere del club di via Aldo Rossi (arriva al posto di Pepe Reina, diretto all'Aston Villa) che ha ufficializzato nel pomeriggio il suo arrivo in prestito fino a giugno dal Bournemouth.