22 gen 2022

Milan-Juve, Allegri: "Dybala sereno. La rosa resterà questa"

Le parole del tecnico bianconero alla vigilia della sfida in casa del Diavolo

francesco bocchini
Sport
Massimiliano Allegri
Massimiliano Allegri

Torino, 22 gennaio 2022 - C'è Milan-Juventus all'orizzonte e per Massimiliano Allegri, oltre all'importanza in sé del duello infinito fra rossoneri e bianconeri, c'è il peso che il risultato finale avrà in chiave classifica. Con un successo, la Signora avvicinerebbe proprio il Diavolo, attualmente avanti di sette lunghezze. Un'occasione ghiotta, anche se il tecnico livornese è perfettamente consapevole che la missione si annuncia decisamente ardua. "Stiamo vivendo un buon momento, ma la strada è ancora lunga. Domani sarà una bella partita, anche se lo sarebbe stata ancora di più se ci fossero stati più spettatori. Chiaramente è una gara importante per la classifica e bisogna fare bene", le parole del tecnico juventino nella conferenza stampa di vigilia. 

"Dybala sereno"

"Bernardeschi recuperato? Stanno tutti bene tranne Bonucci. Out anche Ramsey, che è in uscita. Oggi valuterò le scelte di formazione, sperando di non sbagliarla. Il Milan in quest'ultimo anno e mezzo ha lavorato molto bene, bisogna fare complimenti a Pioli, è in lotta per lo scudetto. Noi dobbiamo cercare di stare attaccati ai primi quattro posti, arrivando a fine febbraio nelle migliori condizioni possibili. Il Milan - continua Allegri - è una squadra che segna e che ha giocatori con ottima tecnica". Se si parla di qualità, il discorso ricade per forza su Paulo Dybala. "Sta meglio ed è molto sereno. Questo lo aiuta a essere libero nelle giocate, ha meno pressioni addosso. Da qui al termine della stagione ci darà molto. Kean? Sono contento di quello che sta facendo Moise. Ha segnato gol importanti, è un calciatore di grande affidamento, ha alternato buone prestazioni ad altre meno buone ma come tutti".

Mercato e progetto

Anche alla luce di queste parole, in attacco non dovrebbe arrivare alcun rinforzo, nonostante le voci insistenti su Dusan Vlahovic. "La rosa resterà questa - ribadisce Allegri - Arthur sta facendo bene, le sue qualità non si discutono, non scordiamoci che è stato sei mesi fermo. All'andata la è stata bella per noi per 75 minuti, poi dopo il pareggio subito in maniera superficiale loro hanno rischiato di vincere. E' un Milan imprevedibile, quindi domani servirà una grande gara. Loro come modello da seguire? Hanno lavorato bene. La Juventus viene da nove anni straordinari e irripetibili. La passata stagione ha vinto due trofei e si è qualificata in Champions. Quest'anno è andato via Ronaldo e si è puntato su un gruppo più giovane. A Roma abbiamo giocato con sei giocatori tra i 20 e i 23 anni. I giovani danno forza ma devono crescere in esperienza. Quella la migliori solo giocando le partite". 

Leggi anche: Vlahovic spaventa Firenze

 

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?