Raiola (ANSA)
Raiola (ANSA)

Milano, 23 agosto 2020 – La prima fase della nuova stagione del Milan di Stefano Pioli (domani la squadra si ritroverà per svolgere i tamponi di controllo che precedono la preparazione prestagionale), a meno di clamorose sorprese dell’ultima ora comincerà senza Zlatan Ibrahimovic. Il club rossonero e l’attaccante svedese non hanno infatti ancora trovato l’accordo per il rinnovo di contratto, come ha ammesso, pur facendo filtrare cauto ottimismo sulla fumata bianca finale, anche Mino Raiola – potente agente dell’attaccante – ai microfoni di Sky Sport: “Probabilmente Ibra domani non sarà al raduno del Milan. Stiamo trattando ma non abbiamo ancora raggiunto un accordo. Credo sia una questione di stile e convinzione e non di soldi. Un matrimonio si fa in due e se Ibra non avesse voluto restare al Milan, non ci saremmo seduti a trattare. Per natura comunque sono ottimista anche perché lavoro per trovare soluzioni e non creare problemi”.

La fiducia sul raggiungimento di un accordo prevale quindi ancora sul pessimismo. Sul piatto balla – si fa per dire – un solo milione: il Milan offre infatti a Ibra 6 milioni bonus compresi, mentre lo svedese ne chiede come ormai noto almeno 7. La distanza sarà colmata con tutta probabilità nei prossimi giorni e mister Stefano Pioli potrà così riabbracciare il suo totem offensivo. Il Milan comunque continua a sondare il mercato per rinforzarsi anche in altri reparti: per puntellare il centrocampo in cima alla lista dei desideri della dirigenza milanista c’è Tiemoue Bakayoko che il Chelsea ora sembra intenzionato a lasciar partire anche con la formula del prestito con diritto di riscatto, contrariamente alla linea tenuta in queste ultime settimane. Un passo avanti che avvicina e non di poco il roccioso centrocampista francese al ritorno a Milanello. Fiducia c’è poi anche sul fronte legato a Serge Aurier, terzino che i rossoneri vorrebbero per rinforzare la fascia destra. La distanza tra le richieste del Tottenham (circa 20 milioni) e l’offerta del Milan (15 milioni) è minima e tutto lascia pensare che la quadra possa essere presto trovata tra le parti. Infine c’è il capitolo uscite: già domani infatti Pepe Reina dovrebbe lasciare i rossoneri per accasarsi con un contratto biennale alla Lazio.