Milano, 16 maggio 2018 - Con la stagione ormai al termine e gli obiettivi stagionali ridotti solo alla difesa del sesto posto, il Milan deve pensare anche al prossimo calciomercato, sia in entrata che in uscita. Le cessioni che arriveranno potrebbero essere anche importanti e costruire la base per le diverse operazioni in entrata che serviranno a completare la rosa che dovrà affrontare la prossima stagione, sempre tenendo conto del triplo impegno.

Le partenze remunerative potrebbero essere principalmente due, entrambe con destinazione Inghilterra per i calciatori del Milan. Un partente potrebbe essere Gigio Donnarumma e l'altro André Silva. Situazioni complicate per entrambi ma per diversi motivi: il portiere classe '99 ha bisogno probabilmente di abbandonare l'Italia per affievolire il carico mediatico che quest'anno ha influito e tanto sulle sue prestazioni; il portoghese invece potrebbe avere la necessità di abbandonare una squadra dove non si è mai realmente ambientato per tentare un'avventura in Premier League.

Su Donnarumma la corte più concreta è quella del Liverpool, anche perché la soluzione parigina fatica a convincere il calciatore e le altre big europee sembrano essere sistemate tra i pali. I Reds, invece, devono trovare un rimedio alla pessima coppia di portiere formata da Karius e Mignolet, entrambi inaffidabili per una squadra che ambisce a mantenere il suo status di big europea dopo la splendida cavalcata in Champions League di quest'anno. E al momento potrebbe essere anche disposta a offrire una cifra sensibile per acquistare Donnarumma: l'offerta rischia di aggirarsi attorno ai 70 milioni, cifre che il Milan accetterebbe senza alcun dubbio.

Per André Silva invece la pretendente è sicuramente meno nobile: si tratta del Wolverhampton, da poco promosso in Premier League. Il club inglese aveva già cercato di acquistarlo a gennaio e potrebbe tornare alla carica in estate. Per far salire la quotazione del calciatore attorno ai 45 milioni, cifra con cui il Milan rientrerebbe delle spese di un anno fa, servirebbe però un grande Mondiale visto il finale anonimo di stagione del portoghese.