Mattia Caldara (LaPresse)
Mattia Caldara (LaPresse)

Milano, 16 giugno 2019 – Tra gli obiettivi di mercato del Milan c’è anche un difensore centrale che possa sopperire alla partenza di Christian Zapata. I rossoneri nei giorni scorsi hanno fatto un tentativo per strappare alla Roma Kostas Manolas. Il prezzo elevato del cartellino del difensore greco e la forte concorrenza di Juventus e Napoli ha però di fatto tagliato subito fuori il Milan dalla corsa al roccioso centrale. Un altro nome accostato con insistenza ai rossoneri è quello del croato Dejan Lovren che potrebbe presto lasciare il Liverpool con cui ha appena vinto la Champions League. Un prezioso alleato del nuovo mister rossonero Marco Giampaolo potrebbe però essere un difensore che già fa parte dello scacchiere milanista, ovvero quel Mattia Caldara che quest’anno è stato perseguitato dalla sfortuna e dagli infortuni. Il centrale ex Atalanta, infatti, dopo essere stato fermo ai box per sette mesi, al suo ritorno in campo si è procurato la rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro ed è stato costretto a rimandare il suo esordio ufficiale in rossonero in campionato.

Adesso però il peggio sembra passato e la risalita verso il pieno recupero sembra ben avviata. Ad ammetterlo, in un’intervista rilasciata a Milan TV, è stato lo stesso centrale ex Atalanta: “I primi 25 giorni sono stati piuttosto duri a livello fisico e mentale. Adesso però mi sento molto meglio. Tra poco farò dei nuovi test per vedere il recupero a che punto è. La stagione scorsa comunque non è tutta da buttare perché ho imparato a conoscere meglio il mio corpo, i miei difetti e ad allenarmi meglio". Adesso la speranza di Caldara è di tornare in forma il prima possibile: “Salire gli scalini che portano al campo di San Siro è una cosa che ho sempre sognato e non vedo l’ora di riprovare quella bellissima sensazione. Ora spero che il ginocchio si metta a posto in fretta e di poter tornare ad allenarmi insieme ai miei compagni per ritrovare pian piano la forma”. Il centrale classe 1994 ha poi chiuso l’intervista con una promessa ai tifosi: “Mi dispiace molto per questa annata difficile, ma non vedo l’ora di tornare e riportare il Milan in Champions League, dove merita di stare. Non sarà facile ma ce la metterò tutta per raggiungere questo traguardo".