Davide Calabria (ANSA)
Davide Calabria (ANSA)

Milano, 5 giugno 2020 - Non è oramai più un segreto che il ritorno al Milan di Zlatan Ibrahimovic sia stato un vero e proprio toccasana per alzare il livello tecnico della squadra e tenere alto anche quello delle motivazioni. Un aspetto sottolineato in una chat sul sito rossonero fatta assieme a Danilo Gallinari da Davide Calabria: "La nostra è una piazza esigente dove si vuole tutto e subito. Ibrahimovic è un veterano, un vero e proprio leader che ci dà una grande mano".

Lo svedese è insomma un elemento trascinante che non manca di spronare i compagni nei momenti importanti: "Pur cercando di mantenere il suo personaggio, in spogliatoio cerca spesso di farci ridere e divertire ma pretende anche il massimo da tutti noi perché lui è il primo a voler fare bene. Alla sua età avrebbe già potuto smettere e invece è ancora qui a farsi il mazzo. Per noi giovani è un’importante fonte d’ispirazione".

Il giovane terzino ha poi rivelato una curiosità sulla lingua parlato in spogliatoio e svelato il giocatore per lui fisicamente più dominante: "In spogliatoio il mister pretende che si parli in italiano e noi cerchiamo di rispettare questa regola. Gli spagnoli però a volte tra di loro parlano la lingua madre e se arrivano giocatori nuovi parliamo anche inglese. Per quanto riguarda il giocatore che ritengo più dominante dal punto di vista fisico non dico ma Kessie. Fa poca palestra ma ha un fisico pazzesco. Davvero assurdo perché puoi anche prendere una lunga rincorsa ma se ti scontri con lui ti ribalti".