Dopo la protesta dei tifosi i rossoneri hanno rilasciato il nuovo listino per la Champions
Dopo la protesta dei tifosi i rossoneri hanno rilasciato il nuovo listino per la Champions

Milano, 9 settembre 2021- La polemica ha portato ai tifosi il risultato sperato: dopo le proteste per i prezzi dei biglietti per la prima partita di Champions League del Milan, il club ha deciso di rimettere in vendita i tagliandi a partire da domani riducendo sensibilmente i costi. Una scelta dettata dalle tante proteste dei sostenitori, indignati dopo aver visto il listino con numeri da capogiro proposto dai rossoneri.

I nuovi prezzi dei biglietti

I tagliandi validi per assistere alla partita contro l'Atletico Madrid saranno rimessi ufficialmente in vendita domani, 10 settembre. Come scritto la grande novità è rappresentata dai prezzi, più moderati rispetto a quelli resi noti qualche giorno fa. La riduzione maggiore è per il settore popolare Secondo Blu, cuore pulsante della tifoseria del Milan che da 119 euro è sceso fino a toccare quota 54 euro. Il settore meno costoso in cui accedere sarà il il Terzo Blu che da 69 euro è stato ridotto fino a 39 euro. La stessa sorte è toccata a tutte le altre zone del campo: il Primo Blu costerà 89 euro, il Settore Arancio andrà dai 109 ai 129 mentre quello Rosso varierà dai 119 ai 44.

La lettera di Gazidis

A ufficializzare il tutto ci ha pensato l'ad Gazidis con una lettera rivolta proprio ai tifosi rossoneri: "Un nuovo listino aggiornato con una significativa riduzione complessiva del prezzo d’ingresso medio favorirà maggiormente le fasce entry level con prezzi a partire da 39 euro per gli abbonati alla stagione 2019-2020". Dalle ore 12 di domani quindi i tifosi potranno finalmente acquistare i biglietti recandosi al Ticket Office di Casa Milan oppure andando su Singletickets.acmilan.com. La vendita sarà aperta prima ai vecchi abbonati, seguiti dai possessori della carta Cuore Rossonero che ne avranno accesso dalle ore 10 del 13 settembre e si concluderà con la vendita libera che partirà dalle 10 del 14 settembre fino ad esaurimento posti.

Leggi anche - Fifa, Wenger: "Bisogna raggruppare le fasi di qualificazione. Servono meno viaggi"