Lionel Messi
Lionel Messi

Milano, 31 agosto 2020 - Il braccio di ferro fra Lionel Messi e il Barcellona va avanti. La telenovela si è arricchita in giornata di una nuova puntata: l'argentino infatti non si è presentato al primo allenamento stagionale della squadra di Ronald Koeman. L'appuntamento era fissato alle 17:30 alla Ciutat Esportiva: presenti in 19, fra i quali Arturo Vidal e Luis Suarez (entrambi in uscita), ma non Ivan Rakitic, pronto per tornare al Siviglia, e neppure la Pulce. Il sei volte Pallone d'Oro non avrebbe potuto comunque unirsi ai compagni, avendo disertato ieri i test anti-Covid, ma la sua assenza dal centro tecnico blaugrana è l'ennesimo segnale di come la sua avventura in Catalogna sia ai titoli di coda. 

D'altronde Messi ha già manifestato chiaramente al club la propria intenzione di andarsene. Manca da capire però se al Barcellona spettino o meno i 700 milioni della clausola rescissoria presente nel contratto del classe '87. La società del presidente Josep Maria Bartomeu è certa che il proprio numero 10 non possa liberarsi a zero, forte anche delle rassicurazioni da parte della Liga spagnola, mentre l'entourage del nativo di Rosario è del parere opposto. In questo senso sarà fondamentale l'incontro, che dovrebbe andare in scena nei prossimi giorni, fra Messi senior e Bartomeu. Intanto Leo è deciso a mancare l'appuntamento anche con le prossime sedute di allenamento. 

Secondo quanto sottolineato da Marca, in questo modo il fenomeno sudamericano andrebbe tuttavia incontro a una pesante multa. In Spagna infatti un tesserato che "abbandona il lavoro" per due occasioni senza giusta causa viene accusato di aver commesso una "grave infrazione". Alla terza "mancanza" scatta la sospensione del calciatore e una significativa riduzione salariale (meno 25% sullo stipendio mensile o mancato pagamento di 11 giorni dello stipendio stesso).