Lorenzo Insigne con la maglia del Napoli (Ansa)
Lorenzo Insigne con la maglia del Napoli (Ansa)

Napoli, 26 giugno 2019 - I sogni in attacco ma, ancor prima, una difesa da blindare: è ciò che emerge dalle parole di Aurelio De Laurentiis, intercettato da microfoni e taccuini a margine di un evento alla Camera dei Deputati.

PER JAMES SI VEDRA' - La breve chiacchierata del patron comincia proprio da questo punto, con tanto di annuncio velato del prossimo acquisto. "Le grandi squadre, oltre che da un buon centrocampo, nascono da una retroguardia forte: in tal senso, il tandem Koulibaly-Manolas sarebbe una gran bella accoppiata come in passato ce ne sono già state a Napoli. Certo, poi sarà compito dell'allenatore modulare la tattica in ogni partita, a seconda dell'avversario che si affronta". Non solo la difesa: il sogno estivo dei tifosi azzurri, si sa, ha un nome e cognome sul quale De Laurentiis torna lasciando la situazione aperta a vari scenari. "James Rodriguez è una notizia vecchia: non nego l'interesse - ammette il numero uno partenopeo - e anzi confermo il legame particolare tra il colombiano e Carlo Ancelotti. La trattativa però è lunga e con tanti ostacoli di mezzo, come gli agenti e la famiglia del ragazzo e il Real Madrid. Chi vivrà vedrà, ma intanto, con oltre 40 giocatori in rosa, dobbiamo prima pensare al mercato in uscita". Detto, fatto: la chiacchierata di ADL si conclude con un'apertura a due cessioni di lusso, a conferma di quel tweet di qualche giorno fa del Napoli che blindava a metà determinate pedine. "Sono pronto ad ascoltare offerte congrue al valore di Insigne e Allan - conclude De Laurentiis - ma a patto che non arrivino negli ultimi giorni di mercato, quando non potrò correre ai ripari".

BIVIO PER ALLAN - La situazione del Magnifico è piuttosto complicata al punto da lasciare intendere la permanenza a Napoli, mentre quella del brasiliano si snoda in un bivio netto: da un lato c'è il pressing mai terminato del Paris Saint-Germain, dall'altro l'idea di rimanere all'ombra del Vesuvio, con tanto di rinnovo del contratto. Le ultime indiscrezioni spingono proprio in tal senso, con l'entourage di Allan al lavoro per strappare a De Laurentiis un prolungamento fino al 2024 da 4 milioni a stagione. Qualora queste pretese fossero giudicate troppo alte dal patron, il dialogo con il Psg si riaprirebbe, a patto però che il club francese - che nel frattempo ha cambiato direttore sportivo, con il ritorno di Leonardo - metta sul piatto 70 milioni, ovvero 20 in più dell'attuale offerta, respinta fermamente dal vulcanico numero uno del Napoli.