Torino, 13 gennaio 2018 - Emre Can-Juventus, siamo all'ultimo kilometro prima del traguardo. La fumata bianca tanto attesa è dietro l'angolo, a maggior ragione dopo lo sprint del Liverpool per Naby Keita, che sbarcherà in Inghilterra con sei mesi di anticipo rispetto a quanto stabilito nella scorsa estate. Il centrocampista del Lipsia, individuato dai Reds come il sostituto di Emre Can, dopo la partita con lo Schalke 04 verrà ufficializzato. Un passaggio che tuttavia non dovrebbe rimettere in discussione la permanenza dello stesso Emre Can fino al termine della stagione. Il condizionale è d'obbligo, perché la coppia Marotta-Paratici un tentativo per scardinare il muro del Liverpool lo faranno ancora.

Calciomercato 2018 gennaio, le trattative. Inter scatenata

C'è tempo fino al 31 gennaio, anche se le possibilità sono minime. Klopp continua infatti a ripetere ai suoi dirigenti che il calciatore serve come il pane per affrontare i tanti impegni, nonostante dal 1 febbraio Emre Can sia ibero di firmare con la Juve. Pensate se le due squadre dovessero incontrarsi nel corso della Champions: sarebbe alquanto curioso vedere come reagirebbe il nazionale tedesco di fronte ai compagni del futuro. Il presente però si chiama ancora Liverpool e, da professionista serio qual è, l'ex Bayer Leverkusen continua a profondere in allenamento e in partita il massimo dell'impegno, così da lasciare un buon ricordo nell'ambiente Reds.

Ma almeno inconsciamente, Emre Can sta già pensando alla prossima avventura sotto la Mole. Tanto che ieri, durante i festeggiamenti per il suo 24esimo compleanno, il centrocampista ha spento le candelinie su di una torta bianconera, postando la foto su Instagram. Un gesto interpretato dai tifosi della Signora come un segnale inequivocabile di come il matrimonio fra le parti sia ormai cosa fatta. E in tanti hanno iniziato a tempestare di messaggi la pagine ufficiale del classe '94 per invitarlo a trasferirsi a Torino fin da questo mese di gennaio. Difficile però che il Liverpool si convinca ad accettare l'indennizzo da circa 10 milioni avanzato dalla Juve, che punta a mantenere buoni i rapporti con gli inglesi.

Per questo, prima di contattare Emre Can, Marotta ha chiesto l'autorizzazione ai Reds, che hanno gradito il rispetto mostrato nei loro confronti da parte dell'amministratore delegato bianconero. Vedremo se la mossa porterà i suoi frutti, ma quantomeno i campioni d'Italia hanno messo al sicuro l'accordo con la mezz'ala considerata a Vinovo come il giocatore perfetto, per qualità tecniche e soprattutto fisiche, da inserire nel centrocampo del futuro, nonché l'erede ideale di Khedira, che nei giorni scorsi ha speso parole al miele nei confronti del connazionale. La Juve intera è pronta ad abbracciare Emre Can, colpito da tante attenzioni. Insomma, un amore a prima vista.

Suso, Maldive e coccole