Piero Ausilio
Piero Ausilio

Milano, 21 gennaio 2020 – Botta e risposta a distanza tra Petrachi e Ausilio dopo lo scambio saltato tra Spinazzola e Politano. Nelle ultime ore è toccato al direttore sportivo nerazzurro rispondere al collega giallorosso. Ausilio, intervistato da Sky, ha ribadito l’assoluta unità della dirigenza interista cercando di chiudere il caso una volta per tutte. Arrivano anche conferme su Eriksen.

PETRACHI GUARDI IN CASA SUA – Polemiche su polemiche tra Inter e Roma sull’affare Politano-Spinazzola. I giallorossi hanno attaccato il comportamento nerazzurro, lasciando intendere una divergenza di vedute tra Ausilio e Marotta, mentre il direttore sportivo nerazzurro ha preso le difese del suo club: “Vorrei chiudere questo caso – ha affermato Ausilio – Si tratta di un cortocircuito, una parola che Petrachi conosce bene. Noi siamo tutti allineati, se si va dritti su un giocatore è perché tutti sono d’accordo. Ognuno guardi in casa propria, serve rispetto. Io non parlo dei problemi della Roma”. Ma alla fine la Roma vorrebbe comunque Politano, un affare che Ausilio non chiude: “Vedremo se ci sarà modo di accontentare il ragazzo. Se dovesse uscire cercheremo di trovare buone occasioni”.

ERIKSEN – Poi c’è il mercato in entrata, Christian Eriksen è il grande obiettivo per il centrocampo dell’Inter. Ausilio ha ammesso l’esistenza di una trattativa per portarlo in nerazzurro, con tanto di offerta ufficiale al Tottenham: “E’ chiaramente un giocatore molto forte e di grande qualità – le parole del dirigente – Noi ci stiamo provando, abbiamo presentato ufficialmente la nostra offerta al Tottenham e vedremo se andrà in porto. E’ comunque una operazione difficile”. In generale, sul mercato in entrata, ad ogni possibile innesto dovrà corrispondere una uscita: “Faremo il punto col mister – ha concluso Ausilio – Numericamente dovevamo ampliare il numero degli esterni ed è arrivato Young, sul resto tra entrate e uscite bisogna fare zero a zero e vedremo quali occasioni offrirà il mercato”.