A sinistra Mbappè (ANSA)
A sinistra Mbappè (ANSA)

Parigi, 4 ottobre 2021 – Il 2-0 subito ieri in campionato contro il Rennes ha certificato una volta di più – se mai ce ne fosse stato bisogno – le difficoltà che sta incontrando il Paris Saint-Germain delle tante stelle in questo primo scampolo di stagione. Come se non bastasse, il club parigino deve però fare i conti anche con la “grana" Kylian Mbappé. Il fuoriclasse francese è infatti in scadenza di contratto e al momento, nonostante le dichiarazioni del direttore sportivo parigino Leonardo, che si è detto fiducioso di poter trattenere il giocatore, al momento non sembrano essere all’orizzonte possibilità di rinnovo,  Lo stesso Mbappé ai microfoni di RMC Sport ha infatti rotto gli indugi ammettendo di aver chiesto la cessione in estate, quando sembrava ad un passo dal Real: “A luglio, visto che non ho rinnovato il mio contratto, ho chiesto al PSG di essere ceduto per consentire al club di incassare una somma importante e trovare un sostituto all’altezza. Qui ho vissuto quattro anni fantastici, il PSG mi ha dato tantissimo ma ho voluto essere chiaro sin da subito. Speravo che ci potessimo lasciare senza rancori e polemiche e che tutte le parti potessero fare un buon affare. Quando poi ho capito che il club non avrebbe comunque voluto cedermi, ho fatto sapere che sarei rimasto”.
 

La stoccata


Mbappè ha poi smentito seccamente le indiscrezioni che parlavano di molteplici rifiuti da parte sua a proposte di rinnovo del club e lanciato una stoccata allo stesso PSG, chiudendo di fatto le porte a una sua permanenza sotto la Tour Eiffel: “Si è detto che io ho rifiutato almeno sei o sette proposte di rinnovo che ho smesso di parlare con Leonardo ma non c’è nulla di vero in tutto questo. Non mi piaciuto il fatto che il club abbbia messo in giro la voce che io avrei chiesto la cessione a fine agosto, facendomi passare quasi per un ladro. E’ vero, ho chiesto di essere ceduto, ma l’ho fatto a luglio, con largo anticipo rispetto alla fine del mercato”.

Leggi anche - Italia-Spagna, Donnarumma: "Fischi di San Siro? Mi dispiacerebbe"