Marcelo
Marcelo

Torino, 11 febbraio 2018 - "La Juventus? Parliamo di una squadra formidabile, mi ricordo che la seguivo molto quando ci giocava Nedved e con lui ho anche scambiato la maglietta. Ma oggi sono al Real Madrid e ho un contratto, quindi  non so da dove escano certe voci. Se ci fosse una trattativa, lo direi". Marcelo risponde così in un'intervista a Esporte Interativo alla domanda su un possibile trasferimento a Torino. Quando? A sentire il brasiliano non prima del 2022, alla scadenza del contratto con i Blancos. In realtà i tempi potrebbero essere molto più stretti: per l'esattezza la prossima estate, dopo che la Vecchia Signora ci aveva già provato negli scorsi mesi.

LA RIVELAZIONE SU CR7 - Specie dopo l'acquisto di Cristiano Ronaldo, grande amico dell'ex Fluminense. E proprio sull'addio al Real di CR7, Marcelo rivela: "Ci stavamo allenando per la finale dell'ultima Champions League con il Liverpool e lui mi ha detto che se ne sarebbe andato. Quindi sì, me l'ha confessato prima della partita e ho dovuto mentire". Segno del forte rapporto che lega i due, che dopo la partenza del cinque volte Pallone d'Oro hanno comunque continuato a sentirsi. La Juve punta proprio sull'effetto Ronaldo per strappare Marcelo al Real, dove intanto i gradi di titolare della fascia mancina paiono essere passati al canterano Sergio Reguillon (nell'undici di partenza in occasione delle ultime due uscite).

CLAUSOLA - Se il classe '96 dovesse confermarsi da qui al termine della stagione e se davvero in estate sbarcasse a Madrid Junior Firpo del Betis Siviglia, allora le porte per una cessione di Marcelo si spalancherebbero. Nel contratto del numero 12 dei Blancos è presente una clausola rescissoria da 200 milioni di euro. Una cifra fuori mercato per i bianconeri (soprattutto se investita per l'acquisto di un terzino quasi trentunenne), ma occhio perché come per Ronaldo, fra Florentino Perez e Marcelo esiste una sorta di gentlemen's agreement che permetterebbe al giocatore di liberarsi per una somma decisamente inferiore.