Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Nazionale, Mancini: "Bene Ronaldo per la A, ma ci sono pochi italiani"

Il ct chiede che più azzurri in campo nel campionato italiano: "Perché quelli che stanno in panchina sono bravi". 

Ultimo aggiornamento il 25 agosto 2018 alle 18:08
Roberto Mancini

Milano, 25 agosto 2018 - Roberto Mancini, commissario tecnico della Nazionale, spiega il momento di crisi che sta vivendo il nostro calcio: "Ci sono sempre meno italiani nel nostro campionato. Questo è un po' un problema. Io spero sempre che ne possano giocare un po' di più, perché quelli che stanno in panchina sono bravi e se giocano secondo me possono migliorare". 

Il ct è chiaro ai microfoni di 'Deejay Football Club', che spende due parole per chi vede in crescita, lo juventino Bernardeschi: "Ha delle qualità enormi, le aveva già a Firenze. E' chiaro, è andato in una squadra dove devi vincere ogni partita e all'inizio un po' puoi patire, ma mi pare che stia migliorando in qualità e in personalità, non può che andare sempre meglio".

Non è mancata la domanda sull'arrivo di CR7: "Chi avrebbe giocato tra me e Cristiano Ronaldo? Non siamo proprio uguali e non sarebbe stato un problema. E' un peccato che sia arrivato ora, poteva arrivare 15-20 anni fa, negli anni in cui venivano tutti da noi, non sarebbe stato male". 

"Di sicuro- ha proseguito il mister azzurro -  alza la qualità del campionato. La sua posizione in campo? Credo che un giocatore come lui, con la sua esperienza, possa decidere dove andare a trovare lo spazio per fare le cose più importanti nella partita. Questo lo sa anche Allegri. Un giocatore così decide da solo dove andare a guadagnarsi il campo". 

"Fiducia nella Nazionale? Nessuno ci crede e questa è la cosa più bella", ha continuato Mancini. "E' chiaro che i ragazzi più giovani devono avere la possibilità di giocare. Ci sono giocatori con delle qualità enormi. Oggi magari non ci sono il Baggio o il Totti, ma in Italia sono sempre venuti fuori". 

Balotelli? "Credo avesse avuto la possibilità di andare al Marsiglia. Ora ha delle giornate di squalifica del campionato scorso, è importante che cominci a giocare".

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.