Jurgen Klopp
Jurgen Klopp

Milano, 15 febbraio 2021 - Che non sia un momento semplice per Jurgen Klopp non è di certo un mistero. Sia dal punto di vista sportivo ma soprattutto privato. Recentemente, il tecnico tedesco ha perso la madre 81enne. Un dolore profondo, reso ancora più tale dall'impossibilità di partecipare al funerale, che si è tenuto in Germania. Per via delle normative anti-Covid infatti, l'allenatore del Liverpool non è riuscito a rientrare nel proprio Paese, che vieta gli arrivi di persone provenienti da nazioni nelle quali si stanno diffondendo le nuove varianti del virus (e fra queste c'è l'Inghilterra). 

Niente pausa

A peggiorare la situazione ci sono anche i cattivi risultati dei Reds, che in Premier League sono lontani ben 13 punti dal Manchester City capolista. La conferma del titolo conquistato solo qualche mese fa rappresenta ormai un'utopia. "Nessuno deve preoccuparsi per me. Sto bene e non ho alcun bisogno di una pausa", le parole di Klopp alla vigilia di Lipsia-Liverpool, match d'andata degli ottavi di finale di Champions League.

"Sono pieno di energie"

In conferenza stampa, il tecnico ha voluto smentire le voci che lo vorrebbero tentato di staccare per un po' dal mondo del calcio. "L'ultima cosa che voglio è parlare di cose private in una conferenza stampa ma, obiettivamente, ho avuto un momento difficile. Nessuno però deve preoccuparsi per me, anche se la barba diventa sempre più grigia. Non dormo molto, ma sono pieno di energie - ha sottolineato Klopp - Questa situazione è una sfida, enorme ma interessante. Potrebbe essere complicato, ma la stiamo risolvendo giocando a calcio, rimanendo ancora più uniti, combattendo con tutto ciò che abbiamo". 

Leggi anche: Juventus, Cuadrado out contro il Porto