L'esultanza degli azzurri e di Zielinski (Ansa)
L'esultanza degli azzurri e di Zielinski (Ansa)

Varsavia, 4 novembre 2021 - Operazione sorpasso completata: il Napoli batte anche a domicilio il Legia Varsavia e, in attesa di Leicester-Spartak Mosca, si porta in testa al Gruppo C. I polacchi, inizialmente in vantaggio grazie al gol firmato da Emreli, crollano del tutto nella ripresa per mano del fuoco amico: Josué causa due rigori che saranno trasformati da Zielinski (che nella prima frazione aveva colpito una traversa) e Mertens. Dopo poco arrivano i sigilli finali apposti da Lozano e Ounas che confermano, se mai ce ne fosse ancora bisogno anche alla luce delle parole della vigilia di Luciano Spalletti, quanto gli azzurri ci tengano all'Europa League nonostante il forte richiamo dello scudetto.

Primo tempo

 

Il Legia parte con più convinzione: lo si evince al 3', quando un errore di Juan Jesus quasi spiana la strada al vantaggio dei polacchi che invece si concretizza al 10', quando Mladenovic salta Anguissa e serve Emreli, la cui girata al volo è vincente. La risposta del Napoli arriva al 17': il protagonista è Zielinski, che riceve la sfera da Demme e tira di prima, trovando la traversa e, sulla ribattuta, solo una conclusione troppo alta. Al 19' a provarci è invece Anguissa, il cui colpo di testa dagli sviluppi di un corner termina tra le braccia di Miszta: dopo pochi secondi si fa vedere Lozano, che con un pallonetto non riesce a centrare il bersaglio grosso. Al 25' occorrono ancora i riflessi del portiere di casa per opporsi al destro da distanza ravvicinata di Elmas, lanciato da un tocco di petto di Petagna.

Secondo tempo

 

Proprio come successo nella prima frazione, il Legia entra in campo con più convinzione e al 47' sfiora il raddoppio con Ribeiro, il cui tiro a giro si stampa sul palo. Sul ribaltamento il Napoli si procura un rigore grazie a Zielinski, steso in area da Josué: della battuta, al 51', se ne incarica proprio il numero 20, che di potenza buca Miszta. Al 75' il dischetto e soprattutto Josué tornano amici degli azzurri visto che il numero 27 nel tentativo di un rinvio scalcia in area Politano, che poco prima aveva rilevato Elmas: della battuta se ne incarica Mertens, che col cucchiaio beffa Miszta. Al 78' il Napoli cala addirittura il tris con Lozano, che riceve la sponda altruista di Petagna e gonfia la rete. Al 82' il messicano potrebbe addirittura siglare la sua personale doppietta con un destro da posizione defilata che termina di poco a lato. Il quarto gol effettivamente è nell'aria e matura al 90' grazie a Ounas, che prova una prima volta a perforare la difesa di casa: la palla viene ribattuta e torna sui piedi dell'algerino, che la alza col mancino e poi, col destro, trafigge ancora Miszta e fissa il risultato finale sul definitivo 4-1 per il Napoli.

Leggi anche - Europa League, Marsiglia-Lazio: probabili formazioni e orari tv

GIUSY ANNA MARIA D'ALESSIO