Tare commenta la possibile sospensione del campionato
Tare commenta la possibile sospensione del campionato

Roma, 3 maggio 2020 - Sono giorni caldissimi sul tema ripresa dei campionati: i club spingono per tornare in campo ma le opposizioni del Governo che chiede pazienza per il momento sembrano rinviare la decisione. Igli Tare, dirigente della Lazio, ha commentato questa situazione spiegando il perché della volontà di portare a termine il campionato a prescindere dalla data. 

“Ci siamo guadagnati tutto sul campo: siamo un punto indietro alla Juventus con un percorso preciso da fare. Cerchiamo di dare un segnale per il sistema calcio: ho sentito dire che potrebbe uscire un altro provvedimento in cui si parla dello stop del campionato da parte del Governo, ma non è nelle loro competenze. La Fifa, Uefa e Figc hanno dato direttive ben precise. Possiamo terminare questo campionato anche a fine agosto o a settembre, sfruttando il modello del mondiale in Qatar".

Il concetto è chiaro: in qualunque data si cominci è importante ripartire da questo campionato e non dal prossimo, anche a costo di dilungarsi fino a settembre. "E’ importante finire questo campionato, anche perché sarà di grande esperienza per gestire quello dopo. Voglio chiarire una cosa: noi siamo i primi ad esserci fermati a causa del Coronavirus: siamo stati alcuni dei pochi a rispettare fin da subito le restrizioni, nessuno dei nostri ha lasciato Roma. Mi risulta che altre squadre hanno ancora giocatori fuori dal Paese" le parole del ds biancoceleste.

La Lazio come tutto il calcio italiano attende novità, possibilmente ufficiali: la giornata di mercoledì è quella indiziata per svolte importanti. Intanto da questa settimana via libera alla ripresa degli allenamenti individuali nei centri sportivi, primo passo per tenere viva la speranza di vedere tornare a giocare la Serie A