Simone Inzaghi a Formello
Simone Inzaghi a Formello

Roma, 4 maggio 2020 – Mentre il Governo riflette sul futuro dei campionati di calcio, le società di Serie A si preparano per il rientro presso i centri sportivi di competenza. Si parte con gli allenamenti, è un primo passo verso il ritorno alla normalità. Individuali, certo, però all’interno delle proprie strutture, controllati e in piena sicurezza. La Lazio è pronta per riaprire le porte di Formello ai suoi calciatori, che scalpitano ormai da tempo. Tutti sono stati preavvisati, il rientro è previsto per mercoledì. Ma non è detto, come dichiarato da Tare, che non si possa anticipare addirittura a martedì, a condizione che prima vengano effettuati tutti i test sierologici del caso.

Si attendono comunicazioni ufficiali, Lotito ha voluto attendere l’esito dei contatti fra la Figc e il Governo per ufficializzare tutto, nonostante l’ordinanza emanata dalla Regione Lazio e l’assenso ricevuto proprio dalle Istituzioni. Ma il club è pronto da tempo, Formello è stato sanificato, tutte le misure di sicurezza sono state già prese. Ci si allenerà a scaglioni, su campi differenti, si utilizzeranno spogliatoi e camere separate. La Lazio scalpita per tornare, anche poche ore di attesa e poi potrà tornare ad allenarsi.

La Lazio al lavoro per blindare i suoi gioielli. Dopo aver praticamente definito il innovo di Luis Alberto, la società sta pensando di fare lo stesso anche con Luiz Felipe. Il brasiliano, è diventato un punto fermo della retroguardia biancoceleste, ha superato gli outsider nelle gerarchie a suon di prestazioni convincenti, attirando l’attenzione di alcuni top club europei. Primo su tutti il Barcellona, alla ricerca di un profilo giovane su cui investire per il futuro. La Lazio però non vuole privarsene, si muove in anticipo e studia le mosse. Il suo contratto scade nel 2022, scadenza troppo vicina, servirà un’offerta convincente con un ingaggio da top player per evitare di perdere un patrimonio così importante.