Ciro Immobile (Ansa)
Ciro Immobile (Ansa)

Roma, 12 maggio 2021 - Se c'è una squadra capace di vincere nei finali di gara in Serie A è sicuramente la Lazio: ennesima vittoria negli ultimi minuti per i ragazzi di Simone Inzaghi che stavolta si aggrappano a Immobile per vincere una partita soffertissima nonostante il Parma fosse già retrocesso.

Primo tempo

Nel primo tempo ritmi decisamente bassi: nonostante la necessità della Lazio di trovare i 3 punti, la partita non prende grande ritmo e le occasioni stentano ad arrivare. La Lazio soffre l'assenza dei migliori centrocampisti assenti, ossia Luis Alberto e Lucas Leiva e rallenta fin troppo il gioco. Infatti l'unica vera occasione della prima metà di gioco arriva sui piedi dell'unico titolare in campo dei centrocampisti ossia Luis Alberto, che a tu per tu con Sepe colpisce la traversa. Nella seconda parte qualche tentativo in più a livello di gioco, con ritmi più alti, ma senza impensierire più di tanto il portiere Sepe.

Secondo tempo

Nella ripresa la Lazio alza di più i ritmi e si rende maggiormente pericolosa, in particolar modo con Muriqi che trova un ottimo Sepe dopo pochi minuti dal ritorno in campo. Subito dopo polemica per un calcio di rigore prima dato e poi tolto ai biancocelesti attraverso il var. Si fa vedere anche il Parma che trova la sua prima vera occasione di gioco con Brunetta, che colpisce il palo a pochi metri da Strakosha, bravo anche sulla respinta. Parma poi sfortunatissimo nell'azione finale, dove prima colpisce un palo e poi viene punito nella ripartenza successiva: dopo una serie di rimpalli il pallone arriva a Immobile che calcia e batte Sepe per trovare l'ennesima vittoria sul finale di gara. La Lazio rimane aggrappata al sogno Champions, distante potenzialmente solo 3 punti, comunque difficili da rimontare nelle ultimissime giornate. 

Leggi anche - Napoli più vicino alla Champions League